Per assumere un contraccettivo, bisogna essere maggiorenni?…

Buongiorno,
per assumere un contraccettivo, tipo la pillola o il cerotto bisogna essere maggiorenni?
Perché io ho 17 anni e non vorrei dirlo a mia madre, vorrei farlo da sola, recandomi però da un medico. E’ possibile?
Grazie!

Anonima


Cara Anonima,
decidere di assumere un metodo contraccettivo è una scelta importante poichè vuol dire assumersi la responsabilità della propria salute e vivere la sessualità in modo consapevole, non correndo rischi.
Quando si decide di assumere qualsiasi tipo di contraccettivo ormonale bisogna fare una visita ginecologa che possa approfondire la propria storia anamnestica e valutare la scelta contraccettiva più adeguata al proprio organismo, stile di vita, abitudini, ecc…
In base alla legge italiana i contraccettivi possono essere somministrati anche ai minori senza il consenso dei genitori, la legge 194/78 dice: “Su prescrizione medica, la somministrazione nelle strutture sanitarie e nei consultori dei mezzi necessari per conseguire le finalità liberamente scelte in ordine alla procreazione responsabile, sia consentita anche ai minori”. Ovviamente la somministrazione va opportunamente fatta sotto controllo di un medico che fa la prescrizione del contraccettivo alla ragazza. La figura di uno specialista a cui affidarsi riveste un ruolo fondamentale, in grado di arginare il senso di disorientamento e chiarire dubbi e perplessità. 
Ci si può rivolgere al proprio medico di base, a un ginecologo di fiducia, e recarsi presso un consultorio, se presente nella tua zona, dove vi sono spazi per adolescenti in cui è possibile ricevere tutte le informazioni sulla contraccezione. Dopo una serie di analisi, insieme al ginecologo sarà possibile valutare il contraccettivo più adatto per vivere la sessualità con serenità.
Un caro saluto 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it