Expo 2020 Dubai, presentato il bando per i volontari del Padiglione Italia

Ministra dell'Università Messa: "Giovani siano attori del futuro"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Parte la seconda fase del programma Volontari del Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai. Questo pomeriggio, in diretta sulle pagine Facebook e Youtube del Commissariato per la Partecipazione italiana alla prossima Esposizione Universale, è stato presentato il Bando di selezione contenente i requisiti di accesso e le condizioni di partecipazione al programma di tirocini curricolari ‘Expo 2020 Dubai – Università italiane’, frutto di una collaborazione tra il Commissariato italiano per la partecipazione dell’Italia all’Esposizione Universale e la Fondazione CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università italiane).

Il primo bando ha coinvolto 8mila giovani, con una grande partecipazione femminile (circa il 70% delle domande sono state inviate da studentesse).

“Expo è una piattaforma di dialogo internazionale molto importante per i giovani- ha commentato in apertura la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa- Molta parte del programma che vorrei portare avanti come ministro è rivolto ai giovani. Vogliamo renderli partecipi e attori del futuro. Ragazzi e ragazze sono cittadini del mondo e questa è un’occasione importante per dimostrarlo. Milano ci ha insegnato che Expo non è una fiera commerciale- ha aggiunto- Dal punto di vista educativo, tutte le persone che hanno partecipato hanno avuto un’apertura diversa rispetto a prima”.

La seconda fase permetterà di selezionare i tirocinanti che potranno partecipare al “più grande progetto di mobilità studentesca organizzato durante una pandemia”, come lo ha definito il Commissario Generale di Sezione per la partecipazione italiana a Expo 2020 Dubai, Paolo Glisenti. Oltre ai selezionati, Glisenti ha precisato però che “siamo al lavoro per rimanere in contatto con tutti i giovani che hanno fatto richiesta. Il capitale umano sarà l’elemento fondante del progetto di ripresa del nostro Paese”.

Durante l’evento in streaming sono intervenuti gli aspiranti tirocinanti e i giovani che hanno già avuto la possibilità di svolgere esperienze simili. “Oggi gli studenti hanno voglia di tornare in presenza- ha spiegato Ferruccio Resta, Presidente CRUI- e proprio l’esperienza sarà il valore dell’università del domani”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Chiara Adinolfi
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it