Una giornata stellare, un viaggio nello Spazio attraverso le pagine di un libro

Il racconto segue le 'avventure celesti' del Dottor Palomar
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “È la mattina del 21 giugno quando, il dottor Palomar, camminando in direzione del suo studio medico viene accecato da un raggio di sole“. Comincia così Storia di una giornata stellare, disponibile in libreria e sui digital store con Momo Edizioni: romanzo scientifico – scritto da Roberto Bragalone, con la collaborazione scientifica di Angela Bongiorno, Silvia Piranomonte e Marcella Di Criscienzo  per menti curiose scritto da vere scienziate, in cui le avventure di una giornata ‘normale’ diventano lo spunto per raccontare i ‘fatti celesti’ dell’universo: buchi neri, quasar, galassie.

UNA GIORNATA STELLARE, LA TRAMA

Il dottor Palomar è un uomo semplice e razionale. La sua vita scorre con semplicità e (quasi) senza sorprese. Tuttavia, nell’esistenza di Palomar una sola giornata – ogni anno, lo stesso giorno: il 21 giugno – diventa un viaggio avventuroso e misterioso: è la sua giornata stellare. 

La giornata del dottor Palomar, scandisce, in modo chiaro e semplice, il racconto dell’universo, per come lo conosciamo e, soprattutto, per come non sappiamo di conoscerlo già.

Mettiamoci comodi e seguiamo i fotoni che ci condurranno in questo affascinante viaggio nello spazio“.

CONOSCIAMO MEGLIO CHI HA LAVORATO A QUESTO PROGETTO

Roberto Bragalone: ha scritto lo spettacolo di divulgazione astronomica Dancing Universe (2017), insieme alle ricercatrici dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, Angela Bongiorno, Marcella di Criscienzo e Silvia Piranomonte. Per Alter Ego ha pubblicato i romanzi La simmetria violata (2016) e L’energia del vuoto (2018). 

Angela Bongiorno, Silvia Piranomonte e Marcella Di Criscienzo: sono tre ricercatrici dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). Si occupano di ambiti scientifici diversi: Marcella è esperta di evoluzione stellare, Silvia studia le sorgenti che generano le onde gravitazionali e Angela si occupa di galassie lontane e buchi neri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it