FeST – Il Festival delle Serie Tv, a Milano torna la tre giorni ‘a tutto (piccolo) schermo’

L'evento è in programma dal 24 al 26 settembre

FeST – Il Festival delle Serie Tv, la prima manifestazione italiana interamente dedicata alla serialità televisiva all’epoca dei servizi di streaming, torna con la terza edizione il 24-25-26 settembre, in collaborazione con Triennale Milano, anche location dell’evento gratuito, con il supporto del Parlamento europeo (ufficio di Milano). Il tema della terza edizione di FeST è Crafting Worlds

Con questo slogan vogliamo porre l’accento sulla costruzione artigianale di mondi narrativi capaci di rappresentare – direttamente o indirettamente, attraverso la fantasia o plasmando la realtà – il mondo in cui abitiamo ogni giorno. Mai come in questo momento, alle prese con una pandemia che ha scosso forse per sempre l’immaginario collettivo, Crafting Worlds significa anche costruire mondi migliori. Le nostre case, i nostri quartieri, le nostre città o nazioni, i nostri spazi digitali e il nostro pianeta chiedono a gran voce di essere reinterpretati, rivalutati, rivisitati per un domani basato su rispetto, parità e uguaglianza. Crafting Worlds significa ricominciare dall’immaginazione e dall’ascolto attivo dei desideri e dalle necessità della collettività, con enfasi sulla pluralità e l’inclusione che costituiscono da sempre il DNA di FeST-il Festival delle Serie Tv. Le serie riflettono e rifletteranno questa importante fase di transizione, nella quale ci è consegnata l’occasione d’oro di ripensare il futuro a partire dal presente”, 

Tra le novità di questa edizione, la nascita dei Serial Awards, i premi completamente dedicati alle serie tv italiane, che verranno assegnati domenica 26 settembre, durante la serata conclusiva della manifestazione.  Questi i riconoscimenti sono votati da una selezionata giuria presieduta dalla direttrice artistica Marina Pierri e formata da persone esperte ed esponenti del settore.

SERIAL AWARDS, I CANDIDATI 

Premio Interprete Protagonista

Gaia Girace e Margherita Mazzucco per L’amica geniale 2 (Rai)

Cristina Cappelli per Generazione 56K (Netflix)

Anna Foglietta per Alfredino, una storia italiana (Sky)

Pietro Castellitto per Speravo de morì prima (Sky)

Alessandro Borghi per Suburra 3 (Netflix)

Lino Guanciale per Il commissario Ricciardi (Rai)

Premio Interprete Non Protagonista 

Pietro Turano per Skam Italia 4 (Timvision/Netflix)

Greta Scarano per Speravo de morì prima (Sky)

Roberta Mattei per Anna (Sky)

Haroun Fall per Zero (Netflix)

Alberto Boubakar Malanchino per Doc, nelle tue mani (Rai)

Daniela Scattolin per Zero (Netflix)

Premio Regia

Paola Randi per Zero (Netflix)

Alice Rohrwacher per L’amica geniale 2 (Rai)

Letizia Lamartire per Baby 2 (Netflix)

Matteo Rovere per Romulus (Sky)

Ludovico Bessegato per Skam Italia 4 (Timvision/Netflix)

Luca Guadagnino per We are who we are (Sky)

Laura Luchetti per Nudes (RaiPlay)

Premio Sceneggiatura

Francesco Ebbasta Capaldo, Costanza Durante, Laura Grimaldi e Davide Orsini per Generazione 56K (Netflix)

Ludovico Bessegato per Skam Italia 4 (Timvision/Netflix)

Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli per Io ti cercherò (Rai)

Francesco Lagi ed Enrico Audenino per Summertime 2 (Netflix)

Niccolò Ammaniti e Francesca Manieri per Anna (Sky)

Michele Astori e Stefano Bises per Speravo de mori’ prima (Sky)

Saverio Costanzo, Laura Paolucci e Francesco Piccolo per L’amica geniale 2 (Rai)

Premio Soundtrack

Giacomo Mazzucato aka Yakamoto Kotzuga per Zero (Netflix)

Giorgio Poi per Summertime 2 (Netflix)

Mokadelic per Romulus (Sky)

Premio Look and Feel 

Baby – Fabula Pictures per Netflix

Anna – Sky e Wildside per Sky

Suburra – Cattleya per Netflix

Romulus – Sky, Cattleya e Groenlandia per Sky

Summertime – Cattleya per Netflix

Premio Serie scripted dell’anno

Anna – Sky e Wildside per Sky

Speravo de mori’ prima –Sky, Wildside, Capri Entertainment e Fremantle per Sky

Skam Italia 4 – Cross Production per TimVision/Netflix

L’amica geniale –Fandango, Wildside, The Apartment e Rai Fiction per Rai

Zero – Fabula Pictures per Timvision/Netflix

Premio Serie unscripted dell’anno 

SanPa, luci e tenebre di San Patrignano – 42 per Netflix

Veleno – Fremantle per Amazon Prime Video

Premio Serie Kids dell’anno 

I cavalieri di Castelcorvo – Stand by Me per Disney

Penny on Mars – 3Zero2 per Disney

New School – De Agostini Editore per DeAKids

Premio Cattiveria “Ha fatto anche cose buone”

Giacomo Ferrara per Spadino in Suburra (Netflix)

Sergio Romano per Amulius in Romulus (Sky)

Gianmarco Tognazzi per Luciano Spalletti in Speravo de mori’ prima (Sky)

Clara Tramontano per Angelica in Anna (Sky)

Premio “How You Doin’?” alla migliore catchphrase/citazione

“Tisanina zenzero e curcuma?” – Pietro Turano, Filippo Sava in Skam Italia 4 (Timvision/Netflix)

“E le bombe alla crema?” – Pietro Castellitto, Francesco Totti in Speravo de mori’ prima (Sky)

“Nobeiscom Marmar!” – Invocazione bellica in Romulus (Sky)

Premio “Best Kiss”

Luca Zingaretti e Greta Scarano – Salvo Montalbano e Antonia in Il commissario Montalbano-Il Metodo Catalanotti (Rai)

Jack Dylan Grazer e Jordan Kristine Seamon – Fraser e Caitlin in We Are Who We Are (Sky)

Cristina Cappelli e Angelo Spagnoletti – Matilda e Daniel in Generazione 56K (Netflix)

Gaia Girace e Francesco Serpico – Lila e Nino in L’amica geniale 2 (Rai)

Lana Vlady e Katsiaryna Shulha – Niki e Sara in Tutta colpa di Freud (Amazon Prime Video)

Premio “Real Estate” alla casa più bella

La casa di Matilda ed Enea – Generazione 56K (Netflix)

La casa di Chiara – Tutta colpa di Freud (Amazon Prime Video)

La casa di Salvo Montalbano – Il commissario Montalbano (Rai)

La casa di Anna e Astor – Anna (Sky)

Tutte le informazioni su FeST sono disponibili QUI

2021-07-16T10:42:35+02:00