Australian Open solo per vaccinati, Djokovic: “Forse non vado”

Il serbo: "Non voglio rivelare se io sia o meno vaccinato"

di Mario Piccirillo

“Il palmares non conta. Al virus non importa quale sia il tuo ranking in classifica o quanti Slam hai vinto”, dice Daniel Andrews, premier dello Stato di Victoria. E visto che le restrizioni sanitarie valgono per tutti, campioni o meno, gli Australian Open si avviano a diventare il primo Slam solo per vaccinati. Un problema per i tanti giocatori no o “ni” vax del Tour. A cominciare dal numero uno al mondo, Novak Djokovic.

Novak Djokovic: “Non voglio rivelare se io sia o meno vaccinato”

Il serbo, notoriamente naif su molte questioni a cominciare dalla questione vaccini, ha detto al quotidiano Blic: “Ancora non so se andrò a Melbourne. Non voglio rivelare se io sia o meno vaccinato, è una questione privata e una domanda inappropriata. La gente si sta spingendo troppo in là prendendosi la libertà di chiedere e giudicare una persona. Ovviamente vorrei andare a giocare in Australia, vedremo quali saranno le decisioni finali sui protocolli”.

La decisione ufficiale, in ogni caso, non è stata ancora presa. Perché il governo federale potrebbe trovare un accordo per un protocollo diverso per i giocatori. Ma la quarantena di almeno due settimane all’entrata nel Paese, almeno quella, è assicurata.

2021-10-19T12:25:24+02:00