se so è meglio

Coordinamento: Dott.ssa Laura Sartori, psicoterapeuta - Dott. Enzo Maiorana, ginecologo

Argomento:

Oggi è il terzo giorno di ritardo. Magari è lo stress per la scuola?…

Salve, ho avuto circa tre mesi fa un rapporto protetto con la mia ragazza, dopodiché lei ha avuto 3 cicli, tutti e tre regolari, da quella volta non lo abbiamo più fatto ma ci siamo limitati solo ai preliminari, oggi però, è il terzo giorno di ritardo, fino ad ora il suo ciclo è stato regolare, o al massimo arrivava in anticipo, però stavolta i crampi gli sono iniziati due/tre giorni dopo il solito, gli sono durati fino a ieri notte dopodiché gli sono smessi.
(Generalmente quando ha il ciclo i crampi gli iniziano minimo 5/6 giorni prima e gli smettono 2 giorni prima, per poi venire dopo due giorni), anche stavolta farà così o magari c’e Qualche problema? Magari è lo stress per la scuola? (È il periodo in cui tutti interrogano)
Dobbiamo preoccuparci per qualcosa?
Grazie

Anonimo, 16 anni


Caro Anonimo,
da quello che ci scrivi non ci sono i presupposti per pensare ad un rischio per una gravidanza indesiderata.
Il rapporto avuto 3 mesi fa è stato protetto e, successivamente, la tua ragazza ha avuto cicli regolari che possiamo considerare un indicatore attendibile dell’assenza di un concepimento.
Quest’ultimo richiede necessariamente un rapporto completo, inteso come penetrazione ed eiaculazione interna alla vagina. Tale condizione deve avvenire nei giorni fertili di una donna poiché è necessario che gli spermatozoi trovino un ovulo potenzialmente fecondabile e quindi giunto a maturazione (fase dell’ovulazione).
Con il solo petting (preliminari) non è possibile incorrere in un rischio di questo tipo e quindi automaticamente escludiamo tale ipotesi.
I ritardi mestruali devono essere considerati come manifestazioni fisiologiche di un meccanismo ancora molto giovane e potenzialmente soggetto a variazioni. Non necessariamente un ritardo deve essere connesso ad una gravidanza.
Le variazioni di cui parliamo potrebbero dipendere da tanti fattori tra cui le oscillazioni ormonali, i cambi stagionali e di dieta ma anche dallo stress.
Come hai ipotizzato anche tu, non escludiamo la possibilità di una connessione tra il periodo di intensa tensione scolastica e la manifestazione in questione.
Il nostro suggerimento è di stare sereni ed attendere l’arrivo della mestruazione senza troppe preoccupazioni. Qualora tale condizione dovesse persistere, potrebbe essere utile effettuare una visita ginecologica per avere maggiori informazioni.
Speriamo di averti fornito spunti di riflessione utili.
Un caro saluto!