CONDIVIDI
Indietro

La maledizione del ‘Club 27’: le star della musica morte a 27 anni

27 aprile 2015

club-27ROMA – Cosa hanno in comune Jimi Hendrix, Kurt Cobain e Amy Winehouse?
Sono stati tutti grandi talenti della musica morti prematuramente all’età di 27 anni, ma come il leader dei Nirvana in Rape Me nel 1993, “non sono gli unici”.
In realtà, molti musicisti sono morti a questa età, tanto che è stata coniata dai media la definizione “Club 27”.
A questa si aggiunge la “maledizione del J27”, un’insieme ancora più ristretto di star della musica che oltre ad essere scomparse a 27 anni hanno anche in comune la lettera J come iniziale del nome o del cognome.
Ma che cosa li ha uccisi?
Droghe, incidenti stradali, depressione, cartelli della droga messicani, lo stile di vita rock n ‘roll è notoriamente rischioso.

JIMI HENDRIX
jimi-hendrix
Pioniere dei virtuosismi della chitarra elettrica, è stato trovato privo di conoscenza nell’appartamento della sua ragazza e ricoverato in un vicino ospedale, dove è stato dichiarato morto.
Il coroner determinò che Hendrix morì soffocato dal suo vomito (un destino poi subito dal batterista dei Led Zeppelin John “Bonzo” Bonham), dopo un’overdose di barbiturici.
Aveva 27 anni al momento della sua morte, il 18 settembre 1970.

BRIAN JONES (Rolling Stones)
Brian-Jones
Morte accidentale o omicidio?
Questa è la domanda che si posero molte persone quando morì il fondatore dei Rolling Stones, Brian Jones.
E’ stato trovato morto sul fondo della sua piscina, e l’autopsia ha rivelato che anni di droga e abuso di alcol avevano gravemente danneggiato cuore e fegato.
Il rapporto del medico legale stabilì che la sua fosse una “morte accidentale”.
Ma la polemica non tardò a scoppiare.
In molti ritenevano la morte di Jones “sospetta” e teorizzano fosse stato ucciso.
Un giornalista investigativo, Scott Jones, si spinse fino ad accusare la polizia locale di coprire il crimine.
Tuttavia, la polizia del Sussex riesaminò il caso nel 2009, concludendo che “non ci sono nuove prove che suggeriscano che il verdetto originale del coroner di ‘morte accidentale’ non fosse corretto.”
Morì il 3 luglio 1969.

JANIS JOPLIN
Janis-Joplin
Janis Joplin incarnava lo spirito libero degli anni ’60.
Ma come tanti suoi contemporanei, la linea tra divertimento innocuo e dipendenza pericolosa si è rivelata troppo sottile.
Appena sedici giorni dopo la morte di Jimi Hendrix, morì per un’overdose di eroina in una camera d’albergo di Hollywood.
Il suo corpo è stato scoperto da John Cooke, il responsabile della banda di Joplin.
Cooke speculò che lo spacciatore di Joplin le vendette una dose di eroina insolitamente potente, affermando che molti altri suoi clienti morirnon quella stessa settimana.
Morì il 4 ottobre del 1970.

MIA ZAPATA (The Gits)
Mia-Zapata
I Gits erano un influente gruppo punk attivo nella scena musicale di Seattle nei primi anni ’90.
La frontwoman Mia Zapata con i suoi testi struggenti e la voce di fuoco fece guadagnare alla band un gran nuemro di fan, tra cui membri dell’elite musicale di Seattle: Nirvana, Pearl Jam, solo per citarne alcuni.
Il 7 luglio del 1993, Zapata stava camminando per le strade di Seattle, quando Jesus Mezquia, un uomo con una storia di violenza contro le donne, la picchiò e l’aggredì sessualmente, prima di strangolarla a morte.
Anche se ci sono voluti dieci anni, grazie al DNA le autorità identificarono Mezquia come suo assassino nel 2003.
L’anno successivo, è stato condannato a 36 anni di carcere.

JIM MORRISON (The Doors)
jim-morrison
L’iconico frontman dei The Doors è stato trovato morto per infarto nella vasca da bagno dell’appartamento di Parigi che condivideva con la sua ragazza, Pamela Courson.
Non fu eseguita alcuna autopsia, portando molti a mettere in discussione le circostanze della sua morte.
Courson testimoniò che Morrison sniffò eroina, credendo fosse cocaina (un tragico errore da Quentin Tarantino in Pulp Fiction).
Morì il 3 luglio del 1971.

ROBERT JOHNSON
robert-johnson
Alcuni dicono il bluesman Robert Johnson ha fatto un patto con il diavolo.
In cambio della sua anima, Johnson avrebbe ricevuto una maestria mozzafiato con la chitarra, riuscendo a suonare con un’abilità “soprannaturale”.
Poche fotografie sgranate e qualche riferimento sparso sono gli unici materiali che abbiamo per ricostruire la vita del leggendario musicista.
Sappiamo che è morto il 16 agosto 1938, all’età di 27 anni.
Le speculazioni sulle circostanze della sua morte abbondano: in molti sostenengono che Johnson sia stato deliberatamente avvelenato.

AMY WINEHOUSE
amy-winehouse
La cantautrice dalla voce soul è stata scoperta priva di conoscenza dalla sua guardia del corpo.
Come il compagno del “Club 27” Brian Jones, la causa della sua morte è stata accidentale: Winehouse aveva consumato almeno tre bottiglie di vodka, per questo si sospetta un’intossicazione da alcol che le ha bloccato la respirazionementre.
La sua tragica morte il 23 luglio 2011 ha riacceso interesse per il “Club 27”.

KURT COBAIN (Nirvana)
kurt-cobain
Proprio come Janis Joplin fu il simbolo degli anni ’60, Kurt Cobain fu il manifesto degli anni ’90.
I suoi potenti testi e le sue melodie rispecchiavano l’apatia, l’angoscia e la depressione di quella generazione, consacrando i Nirvana nell’Olimpo delle superstar.
Ma proprio quel successo fu fatale per Cobain.
Soffriva di depressione grave e dipendeza da eroina, e si tolse la vita con un fucile da caccia il 5 aprile del 1994.
La sua morte diede origine alla prima discussione sul numero insolito di musicisti che sono scomparsi all’età di 27.
La definizione “Club 27” si pensa abbia avuto origine con una dichiarazione dalla madre di Cobain: “Ora [Kurt] è andato e si è unito a quello stupido club. Gli avevo detto di non unirsi a quello stupido club”.

KRISTEN PFAFF (Hole)
Kristen-Pfaff
Kristen Pfaff entrò nei Hole nel 1993, giusto in tempo per la registrazione della loro hit Live Through This.
Con l’aggiunta di Pfaff al basso, il chitarrista Eric Erlandson ha osservato “Tutto ad un tratto siamo diventati una vera band.”
Purtroppo, Pfaff morì per overdose di eroina l’anno successivo, il 15 giugno del 1994.
Pochi mesi prima la frontwoman Courtney Love perdeva il marito Kurt Cobain.

FREAKY TAH (Lost Boyz)
Freaky-tah
Freaky Tah è ricordato come uno dei più grandi repper della storia hip-hop.
La sua voce contribuì a rendere i Lost Boyz sinonimo di energia.
Purtroppo, avrebbe incontrato una tragica fine.
Mentre lasciava il New York Sheraton Hotel la notte del 28 marzo del 1999 è stato ucciso da un colpo di pistola partito da un aggressore in passamontagna, poi identificato come Kelvin Jones.

E poi ancora, solo per citarne alcuni

D. Boon (Minutemen) 22 dicembre 1985, incidente stradale
Richey Edwards (Manic Street Preachers), scomparso misteriosamente il 1 febbraio del 1995
Ron “Pigpen” McKernan (The Grateful Dead) 8 marzo 1983, emorragia gastrointestinale
Pete Ham (Badfinger) 24 aprile 1975, suicidio
Valentín Elizalde, 25 novembre 2006, omicidio con arma da fuoco
Dave Alexander (The Stooges), 10 febbraio 1995, polmonite
Jacob Miller (Inner Circle), 23 marzo 1990, incidente stradale
Chris Bell (Big Star), 27 dicembre 1978, incidente stradale
Alan Wilson (Canned Heat), 3 settembre 1970, overdose di barbiturici (possibile suicidio)