Non riesco ad individuare il mio periodo di ovulazione...

Non riesco ad individuare il mio periodo di ovulazione…

lL’ovulazione è da considerare il giorno stesso o successivo all’ultima comparsa del muco…

Buonasera,
Scrivo per avere delle informazioni circa dei problemi ad individuare il mio periodo di ovulazione.
è da gennaio di quest’anno che sto monitorando i miei cicli per vedere se è possibile riscontrarne una certa regolarità.
Dai conteggi fatti, il mio ciclo dura come minimo 26 giorni e come massimo 32. Negli ultimi mesi (agosto, settembre e ottobre) ho registrato una certa regolarità: ciclo di 30 giorni in agosto, 28 a settembre e 29 a ottobre.
Nel mese di ottobre però ho iniziato ad avvertire quello che poteva essere muco fertile il 10° giorno (4 giorni dopo la fine del ciclo) ed è durato circa 5 giorni. Mi domandavo, quindi, se l’ovulazione è da considerare il giorno stesso o successivo all’ultima comparsa del muco.
Inoltre, cosa che non mi è mai successa, dal mese scorso ho avvertito un ingrossamento e dolore molto forte al seno – soprattutto a quello destro – dolore e tensione che sono scomparsi circa una settimana prima delle mestruazioni. è una cosa normale o devo sospettare alterazioni di tipo ormonale? Ed è normale avere avuto nel mese di ottobre perdite mestruali di soli tre giorni quando, normalmente, durano 5 giorni?
Abusando di nuovo della vostra pazienza, pongo un ulteriore questione: premetto che non assumo nessuna pillola anticoncezionale e che i miei rapporti sono sempre protetti da preservativo. Purtroppo durante l’ultimo rapporto (terzo giorno dopo la fine delle mestruazioni anomale: tre giorni di durata) il preservativo si è rotto e non ho assunto la pillola del giorno dopo per due motivi:
a) il mio ragazzo non ha eiaculato.
b) non ero in periodo fertile perché non avevo perdite di muco né il giorno prima (sabato), né il giorno stesso del rapporto, né quello successivo. L’inizio del mio periodo fertile, a giudicare dal muco, dovrebbe essersi verificato mercoledì 11/giovedì 12 novembre.
Volevo sapere se la scelta comune di non assumere la pillola del giorno dopo per non farmi prendere ormoni inutili sia stata giusta dati i due motivi che le ho indicato: il mio ragazzo non ha eiaculato e io non ero in periodo fertile.
Grazie per la cortese attenzione

Danielle, 23 anni


Cara Danielle,
l’andamento del ciclo mestruale può essere influenzato da diversi fattori, difficili da controllare e/o prevedere in modo certo. Possiamo dirti che delle piccole oscillazioni dell’ovulazione o della durata e del flusso delle mestruazioni possono rientrare nelle normali modificazioni che possono avvenire durante il cambio di stagione, in seguito a dei cambiamenti nello stile di vita o in un periodo di stress. Visti i numerosi fattori che possono influire sul ciclo, il calcolo dell’ovulazione dovrebbe basarsi su metodi un po’ più affidabili rispetto all’osservazione delle perdite di muco cervicale, che comunque restano un indicatore utile. Si può calcolare il periodo di ovulazione o con il rilievo della temperatura basale (la temperatura corporea è relativamente bassa nella fase che precede l’ovulazione, poi s’innalza di 4-5 decimi e si mantiene -con piccole oscillazioni – vicino ai 37°C fino alla successiva mestruazione; bisogna misurare la temperatura interna (rettale o vaginale), al mattino, a digiuno e prima di alzarsi dal letto e riportarla su un apposito grafico; si possono avere rapporti liberi solo dal 4° giorno dopo l’innalzamento della temperatura. Si tratta quindi di un metodo che può essere utilizzato soltanto dopo l’ovulazione); oppure con un computerino personale (è una sorta di computerino portatile che monitorando il livello ormonale, indica quando è possibile avere rapporti senza l’uso di un contraccettivo o quando è necessario eseguire un test per accertarsene).
Ricorda comunque che l’utilizzo di questi metodi non dà una percentuale di affidabilità contraccettiva analoga a metodi quali il preservativo o l a pillola anticoncezionale, quindi fai bene ad usare sempre il preservativo.
Per quanto riguarda l’episodio in cui si è rotto il preservativo, sicuramente l’assenza di eiaculazione interna e l’elevata probabilità di essere fuori dal periodo fertile sono indici che riducono le indicazioni per l’utiliozzo della pillola del giorno dopo, della quale è sempre meglio non abusare!
Speriamo di aver risposto in modo sufficientemente esauriente alle tue domande. Saluti!