Da qualche mese che mi taglio quando sono molto depressa prendo e mi taglio...

Da qualche mese che mi taglio quando sono molto depressa prendo e mi taglio…

Salve,
è da tanto che ci penso ed ero sul punto di non scrivere ma quando ho visto che uno puo mettere l’anonimo quindi ho avuto il coraggio di scrivere… è da qualche mese che mi taglio come dire quando sono molto depressa prendo e mi taglio e poi mi sento diciamo bene anche quando sono nervosa oppure discuto con qualcuno dopo mi sento come se non servissi piu a niente te e mi taglio perchè è un periodo che io sono cambiata perchè sto vivendo una situazione in famiglia che a volte non ce la faccio più a sostenere perchè io sono cresciuta con mia nonna e adesso sta allettata e c’è stato un periodo che credevo che morisse. Io non sto vivendo la mia adolescenza come tutti i ragazzi della mia età esco si e no due volte a settimana e poi di notte se non si fanno le due di notte non riesco mai a dormire però io volevo chiedere perche si ci arriva a tagliare? E poi se lo fai una volta perchè poi ti riviene voglia di rifarlo di nuovo? ps: io mi taglio avvolte la sera quando sto sola eppure i tagli sono visibili ma mai nessuno se ne accorto ecco… grazie per la risposta….,

Cara Anonima,
grazie per la fiducia che hai riposto in noi, speriamo di attenderla e di darti un po’ di conforto.
Il cutting (tagliarsi) è una modalità autolesionista molto diffusa tra i giovani, che vivono con molta difficoltà il proprio percorso di crescita e che trovano un modo alternativo, non funzionale, per dar voce al proprio malessere.E’ come se concentrando la propria attenzione sul dolore fisico ci si possa alleviare da un’angoscia interiore molto più intollerabile da gestire.
Per tua stessa ammissione non stai passando un periodo facile, la malattia di tua nonna, che sicuramente è un punto di riferimento importante nella tua vita, la paura di perderla, la tua solitudine, sono tutte situazioni difficili da vivere, ma siamo certi che tagliarsi non è la soluzione al tuo disagio.
Ci colpisce quando dici che le ferite sono visibili e che nessuno se ne accorge, è come se non ti sentissi vista, ma a volte gli adulti o le persone care non riconoscono i segnali o non ce la fanno a riconoscerli perché fa paura prenderne atto. Sappiamo che può costarti fatica, ma prova a essere più esplicita e a dire come ti senti a qualcuno di cui ti fidi, siamo certi che si prenderà carico del tuo dolore e ti aiuterà a intraprendere la strada giusta per tirarlo fuori.
Riteniamo che sia molto importante che tu ti faccia aiutare, potrebbe essere utile iniziare un percorso di sostegno che possa darti la possibilità di affrontare il tuo malessere.
Facci sapere cosa ne pensi, noi siamo qui.
Un caro saluto!
,Anonima, 21 anni,10-04-2014,Disagio emotivo e/o psicologico,cutting

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it