Ho lasciato il mio ex perchè cercavo una persona più attiva e con più interessi...

Ho lasciato il mio ex perchè cercavo una persona più attiva e con più interessi…

Salve,
scrivo a proposito della relazione con il mio ex. L’ho lasciato 2 mesi fa, stavamo insieme tre anni, dal mio primo anno di università. un periodo di cambiamento e crescita che ho vissuto con lui. Inizialmente lui era super innamorato e io non ne volevo sapere di lui, è stato molto insistente e abbiamo iniziato la nostra storia e piano piano i sentimenti si sono equiparati. È una persona stupenda gentile e premurosa con tutti, con me a maggior ragione, avevamo un modo di pensare e di vedere la vita uguale e un’intesa sessuale fantastica (sono stata a letto con due persone, non ho troppi termini di paragone). Durante il periodo che siamo stati insieme sono diventata più forte e meno timida, ma al mio interno avevo delle ansie che mi facevano star male, paure nei confronti della morte, delle malattie e di un futuro incerto. Lui è una persona benestante che per questo non si impegna per costruirsi un futuro e perciò la sua vita rimane statica, io cercavo una persona più attiva e con più interessi, perciò è nato un tarlo dentro di me che mi ha portato a non sopportare più nulla di lui e l’ho lasciato. Ora sono felice, sono allegra, serena, senza più ansie. L’unica cosa che mi manca è il sesso e a momenti quei momenti di tenerezza e intimità in cui potevamo vivere solo di abbracci. Il mio dubbio è: era lui che non volevo o sono una persona che non riesce ad avere una relazione? Perché magari la relazione mi procura delle ansie dovute alla paura di perdere la serenità e il supporto acquisiti, mentre stando da sola non ho nulla da perdermi. Inoltre avere una relazione mi sembra che mi allontani dalle mille occasioni della vita, perché stando con una persona mi crogiolo in quel limbo di tranquillità alienandomi dal resto del mondo (nonostante non abbia mai trascurato le mie amiche o lo studio). Il mio dubbio è: rischio di aver perso la persona della ma vita perché sono fatta per stare da sola oppure non lo amavo seriamente?,

Cara Cecilia,
di frequente nelle prime relazioni amorose si è incerti e timorosi, non solo l’altro è una persona da scoprire, ma può diventare un’esperienza significativa per conoscere di più se stessi. La relazione di coppia diventa così uno spazio condiviso nel quale ciascuno si mette in gioco conoscendo nuovi aspetti di sé e dell’altro. Da ciò che scrivi, invece, sembra che il tuo ex sia diventato, nel corso del tempo, un limite piuttosto che uno stimolo verso una progettualità, nonostante tu abbia colto in lui tanti aspetti positivi che per un lungo periodo ti hanno resa in parte felice. Colpisce il tuo sentirti “senza più ansie” dopo la chiusura della relazione, come se il legame alimentasse dentro di te il timore della perdita, a tal punto da preferire l’assenza dell’altro per evitare angosce e paure.
Rispetto al tuo dubbio sull’essere fatta per stare da sola o il non amore, crediamo che, vista la tua giovane età, sia un dubbio lecito e che forse nella relazione con il tuo ex ci siano stati tempi diversi d’incontro. Nella tua vita ci saranno sicuramente nuovi amori e l’esperienza ti aiuterà a viverli come un valore aggiunto anziché un limite per la tua realizzazione.
Speriamo di esserti stati d’aiuto. Torna a scriverci quando vuoi.
Un caro saluto!,Cecilia, 22 anni,29-12-2014,Affettività

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it