fotogallery

Pianeta X: c’è una Super-Terra ai confini del Sistema Solare?

ROMA – Un team di astronomi crede di aver scoperto due degli oggetti più distanti mai trovati nel nostro sistema solare.
Uno di questi potrebbe essere una ‘Super Terra’, sei volte più lontana di Plutone.
Utilizzando il telescopio Alma, i ricercatori hanno notato gli oggetti misteriosi che attraversano il loro campo visivo in studi separati.
E ‘difficile dire esattamente quanto lontano questi corpi siano realmente, ma la loro velocità e la luminosità suggeriscono che è improbabile si tratti di stelle.

super-terra

Il primo oggetto si troverebbe alla deriva nello spazio intorno a Urano.
Un’ipotesi lo vuole come un piccolo pianeta sconosciuto al di là di Urano, mentre altre teorie suggeriscono che si tratta di una nana bruna, un corpo celeste troppo grande per essere un pianeta ma troppo piccolo per essere considerato una stella..
Il secondo oggetto è più vicino al sistema di Alpha Centauri, ed è questo ad essere più vicino alla possibilità di essere considerata una Super-Terra, più lontana dal Sole rispetto anche a Plutone.
Altre teorie suggeriscono che possa trattarsi di una nana bruna super fredda o un oggetto trans nettuniano freddo, ma questo è lo scenario meno probabile.
Tuttavia, la credenza più popolare è che questo sia il leggendario Pianeta X che la comunità astronomica ha teorizzato per anni.

super-terra

Il pianeta X è un mondo teorico che, se esistesse, potrebbe spiegare alcune anomalie nelle orbite di pianeti come Nettuno e Urano.
Noto anche come Nibiru, si ipotizza risieda ai confini del nostro sistema solare.
Alcune teorie estreme sostengono che l’influenza gravitazionale del ‘pianeta interstellare’ abbia interrotto le orbite degli altri pianeti centinaia di anni fa e che un suo passaggio successivo dirompente nel sistema solare interno potrebbe accadere in qualsiasi momento.

Tuttavia, la maggior parte della comunità scinetifica scarta l’ipotesi della scoperta del misterioso “decimo” pianeta.
Piuttosto, le anomalie registrate da ALMA sarebbero più coerenti con l’individuazione di una nana bruna.