fotogallery

Gaffe clamorosa dei Subsonica: “Morricone ci ha copiato”. Ma il brano è del 1982

Ennio Morricone intraprenderà azioni legali contro i Subsonica, dopo le insinuazioni della band sul presunto “scopiazzamento” di Tutti i miei sbagli

subsonica vs ennio morricone

ROMA – Bisogna riflettere bene prima di parlare, soprattutto quando si punta il dito contro qualcuno.
E se questo qualcuno è il maestro Ennio Morricone e le insinuazioni sono di un presunto “plagio”, è doveroso pensarci 1000 volte.
Lo sanno bene i Subsonica, che adesso rischiano procedimenti legali per aver sostenuto su Facebook e poi su Twitter che il brano Neve, contenuto nella colonna sonora di “The Hateful Eight”, avesse “preso spunto” da una celebre canzone del loro repertorio.
“E comunque le prime quattro note orchestrali della colonna sonora (meravigliosa) di Hateful Eight di Morricone/Tarantino, sono le prime quattro note orchestrali di “Tutti i miei sbagli”. Confrontare al cinema per credere” si leggeva l’8 febbraio sul profilo Facebook dei Subsonica.
Poi rincarano la dose su Twitter, con l’hashtag #‎felicicoincidenze

Non vi è polemica nelle parole della band torinese, ma solo un appunto, sottolineando che Ennio Morricone ha mancato di citarli.

“A scanso di derive polemiste sul Maestro (che come specificato non ha certo bisogno di citare alcunchi), ecco quanto pubblicato ieri parallelamente (sul fb max casacci) riguardo alla piacevolissima sorpresa di ascoltare l’attacco al cinema della colonna sonora di Hateful eight. Prego controllori controllare. Grazie un bel po’. Max
p.s.comunque è bello vedere che ci pensate sempre.
max casacci (18 ore fa)
ma le prime 4 note della (bellissima) colonna sonora di “hateful eight”, che sono le prime 4 note orchestrali di “tutti i miei sbagli”?
Troppo ridere.
ps Morricone non ha nessun bisogno di citare chicchesia, tantomeno i Subsonica, sia detto per scongiurare qualsivoglia equivoco. Semplicemente, succede.”

In realtà, la colonna sonora di The Hateful Eight è un “auto-plagio” di Morricone stesso, se così si può definire.
I brani appartengono al repertorio del maestro, originariamente scritti per “La Cosa” di John Carpenter nel 1982, ma poi scartati.

“Al fine di tutelare la propria onorabilità ed originalità creativa, Ennio Morricone, che non ha mai subito nella sua lunga carriera censure di plagio – dichiara l’avvocato Giorgio Assumma, legale del maestro Ennio Morricone – mi ha dato incarico di intraprendere con urgenza le azioni legali più appropriate”.

Ecco di seguito i due brani a confronto.
In “Neve” potete ascoltare le 4 note “incriminate”  a partire dal minuto 0:46.