attualita

Il romanzo a fumetti italiano ha almeno cinquant’anni

ROMA  – Il graphic novel piace tanto, leggerlo oggi fa quasi status symbol e, diciamolo, è molto più chic di un romanzo a fumetti. I nerd non sono più soli, lettori attenti e curiosi ma estranei al mondo dei comics gli fanno compagnia avvicinandosi a quello che è oggi un vero fenomeno letterario: non è un caso infatti che anche le grandi catene di negozi siano sempre più interessate a questa “nuova tendenza”, ma in realtà c’è molto da dire.

Graphic novel dall’inglese all’italiano si traduce romanzo a fumetti e, conti alla mano, è inevitabile ammettere che questo genere esista da almeno cinquant’anni. Potremmo imbatterci allora nell’annosa questione “fumetto d’autore vs fumetto popolare”, ma anche no: a svelare le carte (anzi le tavole) della storia del romanzo a fumetti è una mostra che prende il via il 27 febbraio prossimo nel Museo di Roma in Trastevere. “Fumetto italiano, cinquant’anni di romanzi disegnati” è una panoramica sulla nona arte che ha l’intento di portare all’attenzione del pubblico proprio quelle opere che per la qualità dei testi e dei disegni hanno di diritto la qualifica di romanzi.

Un percorso di circa 300 tavole originali, disposte in ordine cronologico e con generi narrativi molto diversi: si va dal romanzo satirico a quello storico, dal romanzo d’azione a quello psicologico, con autori del calibro di Hugo Pratt, Guido Crepax, Gipi, Milo Manara, Lorenzo Mattotti fino a Zerocalcare. Quaranta romanzi grafici scritti e disegnati da altrettanti autori dal 1967 ad oggi, un mondo di personaggi unici, di scenari mutevoli, di tavolozze colorate, di nero di china e di bianchi abbaglianti alla scoperta dei lavori dei Maestri del fumetto di ieri e di oggi. La mostra inizia proprio con “Una Ballata del Mare Salato”, capolavoro di Hugo Pratt in cui appare per la prima volta Corto Maltese, e prosegue nei decenni successivi con straordinari lavori tra i quali “Sheraz-De” di Sergio Toppi, “Le Straordinarie avventure di Pentothal” di Andrea Pazienza, “Fuochi” di Lorenzo Mattotti, “Max Fridman” di Vittorio Giardino, “Cinquemila chilometri al secondo” di Manuele Fior, “Dimentica il mio nome” di Zerocalcare.

Un appuntamento imperdibile – fino al 24 aprile – per gli appassionati da sempre e un’ottima occasione per chi vuole avvicinarsi e approfondire la “nona arte” in tutte le sue molteplici espressioni.

Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati
Museo di Roma in Trastevere – Piazza S. Egidio, 1B – Roma
27 febbraio – 24 aprile 2016
www.romanzidisegnati.it; www.museodiromaintrastevere.it;

Mer Salee FR-P116

Mer Salee FR-P116

Hugo PrattUna ballata del mare salato, 1967© 1967 Cong SA, Svizzera – Corto Maltese. Una ballata del mare salato. Tutti i diritti riservati

 

01_Pazienza_tav_01 Le straordinarie avventure di Pentothal

Andrea PazienzaLe straordinarie avventure di Pentothal, 1977 ©Eredi Andrea Pazienza/Fandango

 

Milo Manara Sognare Forse Milo Manara Sognare forse 2

Milo ManaraSognare, forse…Le avventure Orientali di Giuseppe Bergman, 1988 ©2016 Milo Manara