fotogallery

La storia di Dindim, il pinguino che ogni anno percorre 8000 km per incontrare l’uomo che gli ha salvato la vita

ROMA – Una storia di profonda amicizia arriva dal Brasile.
Un pinguino è così riconoscente all’uomo che gli ha salvato la vita, che ogni anno nuota per 8000 km pur di raggiungerlo.

pinguino dindim de souza

Joao Pereira de Souza è un pescatore di 71  anni, abitante di un villaggio in un’isola appena fuori Rio de Janeiro.
Nel 2011 scoprì il piccolo pinguino di Magellano sffofferente incastrato nelle rocce.
Il cucciolo inerme, coperto di petrolio, stava morendo di fame e l’uomo è accorso in suo aiuto, curandolo e dandogli un nome: Dindim.
Lo ha tenuto con sé una settimana per pulire i rsidui di petrolio sulle sue penne, per poi liberarlo in mare e salutandolo pensando di non rivederlo mai più.
Ma così non è stato. Mai sottovalutare gli animali.

Con sua enorme sorpresa, pochi mesi dopo, il pinguino è tornato sull’isola del suo salvatore, e quando riconobbe de Souza è tornato a casa con lui.

Ora, Dindim trascorre otto mesi all’anno con il suo salvatore e passa il resto del suo tempo al largo della costa di Argentina e Cile per accoppiarsi.

Si pensa che Dindim nuoti ogni volta circa per 8.000 km per tornare dal signor de Souza.

“Amo il pinguino come se fosse mio figlio e credo che il pinguino mi ami”, ha dichiarato de Souza.

“A nessun altro permette di toccarlo. Li becca se lo fanno. Ma con me è diverso, si sdraia sulla mia pancia, mi permette di lavarlo, di dargli da mangiare sardine e di prenderlo in braccio”.
Ogni volta che il pinguino torna, resta con lui per svariati mesi prima di nuotare dai suoi simili.

Tutti dicevano che non sarebbe tornato, ma invece è sempre venuto a farmi visita negli ultimi quattro anni”

“Arriva a giugno e se ne riparte nel mese di febbraio e ogni anno diventa più affettuoso e sembra ancora più felice di vedermi”.

Il biologo Joao Paulo Krajewski, che ha intervistato il signor Pereira de Souza per la Globo TV, ha spiegato: “Non ho mai visto nulla di simile prima. Credo che il pinguino ritenga de Souza parte della sua famiglia e, probabilmente, della sua stessa razza”.

“Quando lo vede scodinzola come un cane e ‘strombetta’ con piacere”.