attualita

Ha perso la città: da oggi il nuovo singolo di Niccolò Fabi

0 FABIedited

Roma – “Proseguiamo nel fare amicizia e andiamo in ordine. Questo è il video che Roberto Biadi ha realizzato per raccontare Ha perso la città, la seconda canzone del disco. Secondo respiro. Secondo invio. Secondo me”. Così un paio di ore fa, Niccolò Fabi ha invitato tutti i suoi fan all’ascolto del nuovo singolo che anticipa “Una somma di piccole cose”, da oggi disponibile in radio, in digital download e in streaming. Ad accompagnare l’uscita di “Ha perso la città” il video diretto da Roberto Biadi: un lungo time-lapse che rende bene la frenesia tipica delle metropoli moderne. Il creativo torinese ha interpretato la canzone raccontando una giornata qualsiasi in una città qualsiasi: una bicicletta, un ombrello e una matita accompagnano lo sguardo che durante il giorno insegue e fissa il bello e il brutto delle metropoli.

1 ha-perso-la-citta-il-nuovo-video-di-niccolo-fabiedited

“Hanno vinto le corsie preferenziali hanno vinto le metropolitane,hanno vinto le rotonde e i ponti a quadrifoglio alle uscite autostradali,
hanno vinto i parcheggi in doppia fila,quelli multi-piano, vicino agli aeroporti, le tangenziali alle 8 di mattina e i centri commerciali
nel fine settimana”. Inizia così il brano di Niccolò di cui, in un certo senso, ognuno di noi è protagonista. Una canzone che si riallaccia a tematiche ambientali, il racconto di una metropoli che ha progressivamente perso il senso della comunità e dell’umanità e si è evoluta in un ammasso di individui che convivono e si affannano, ma si ignorano nell’arduo tentativo di sopravvivere. Questo il significato del testo secondo l’artista: la città nata per essere un centro di aggregazione ed opportunità di crescita professionale e culturale ha innalzato le aspettative ma abbassato nettamente la qualità della vita di chi ci abita, soprattutto a scapito della salute psicofisica e della naturalezza dei ritmi quotidiani. Una verità indiscutibile cantata con delicatezza e consapevolezza, come del resto solo Niccolò Fabi sa fare.