ambiente

H&M e M.I.A insieme per la World Recycle Week

ROMA – Promuovere il riciclo di abiti usati e ottenere fibre tessili riciclate per creare nuovi prodotti. E’ questo l’obiettivo di H&M e M.I.A, che hanno deciso di collaborare per la World Recycle Week, prevista dal 18 al 24 aprile. In occasione della Settimana mondiale del riciclo,  il colosso svedese dell’abbigliamento, punta a raccogliere 1.000 tonnellate di capi attraverso i suoi 3600 punti vendita. Da quando H&M ha lanciato l’iniziativa di raccolta degli abiti (Garment Collecting) nel 2013, i clienti di tutto il mondo hanno aiutato a riciclare 25.000 tonnellate di capi che non usavano più.

h e m reciclo

Come funziona il riciclo? Una volta raccolti, i capi vengono mandanti in uno dei sette stabilimenti dove vengono smistati per essere indossati nuovamente, venduti in negozi di seconda mano, riutilizzati come stracci o materiale per imbottiture oppure riciclati in nuovi tessuti e, fondamentalmente, nuovi capi.

“Vista la quantità di vestiti raccolti dall’avvio di questa iniziativa, sappiamo che la sostenibilità è una parte importante del modo in cui i nostri clienti vivono la moda e desideriamo che essi facciano parte integrante della soluzione”, afferma il capo del settore sostenibilità di H&M Anna Gedda. “Le risorse del pianeta sono limitate. Vogliamo continuare ad apprezzare la moda, ma dobbiamo anche trovare un modo per fare un miglior uso delle risorse. H&M lavora per un futuro sostenibile della moda: tra le altre cose, desideriamo creare un circuito chiuso per la moda in cui i vecchi capi vengono trasformati in capi nuovi senza dover utilizzare materiali aggiuntivi. C’è ancora molto da fare, per ora abbiamo già creato il cosiddetto circuito chiuso per i prodotti in jeans ottenuti con il tessuto riciclato dei capi che i clienti ci portano”.

Il prossimo 11 aprile, su hm.com, per sensibilizzare l’opinione pubblica, uscirà il video girato in esclusiva per H&M da M.I.A dal titolo “Rewear it”.