attualita

Sindrome da Masterchef su Tripadvisor. E tu che recensore sei?

Una immagine di copertina della Pagina Facebook "Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef"

Una immagine di copertina della Pagina Facebook “Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef”

Roma – Sono più i vinti dei vincitori sul famosissimo portale web che pubblica recensioni di utenti – di qualsiasi tipo e specie – su hotel, ristoranti e attrazioni turistiche. Tripadvisor decreta certamente qualche successo, ma all’occhio saltano per lo più i clamorosi insuccessi di strutture di ogni genere. Si potrebbe fare una classifica della tipologia di “consumatori” impegnati a scrivere consigli e punti di vista, non sempre però pare che questi ultimi siano animati da un forte senso civico e da un rigoroso senso giustizia. Il portale ospita – è il caso di dirlo – il bello dell’Italia, un’indagine sociologica potrebbe rivelare vizi e virtù di un popolo godereccio ossessionato dalla mania della condivisione; peccato che il racconto delle esperienze positive sia nettamente inferiore a quelle negative. C’è il tipo Gordon Ramsay, polemico e irascibile: se esistesse il pallino nero utilizzerebbe solo quello; il tipo gastrofighetto, niente è alla sua altezza, la presentazione dei piatti poi, meglio non commentarla; il tipo Gianluca Vacchi, molto dandy, molto tatuato e imprenditore quanto basta per sapere cosa funziona e cosa no, il tipo pariolino, appellativo nato a Roma, ma utilizzato da nord a sud, per classificare giovani esclusivi e alla moda, ricchi e di tendenza che hanno solo il “meglio”: lanciano mode, fanno il bello e il cattivo tempo, possono sindacare su tutto con aria stanca e rassegnata; infine, l’ultima menzione è per il tipo disadattato, uno che esce poco, quando fa cose e vede gente è un duro colpo: niente è come dovrebbe essere o come vorrebbe che fosse. E la domanda nasce spontanea: ci sono o ci fanno? Ma si sa, di false recensioni il web ne è pieno e se questo capitolo, scritto da redattori (mal)pagati, sia chiuso, non ci è ben chiaro.

Una recensione segnalata sulla Pagina Facebook "Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef"

Una recensione segnalata sulla Pagina Facebook “Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef”

Tripadvisor con più di 29 milioni di visitatori ogni mese, continua ad essere il canale più importante per la web reputation dei locali. Per colpa di recensori (forse) incattiviti, le denunce che hanno invece ragion d’essere perdono così forza ed efficacia. Senza entrare troppo nel merito, apriamo una semplice riflessione sul tema: per fare una recensione occorrono un sano spirito critico e una lucida capacità di giudizio ma, spiace dirlo, volenti o nolenti non sempre si è all’altezza di tale compito. Prima di parlare ed entrare nel delicato campo della “valutazione”, sarebbe saggio e coscienzioso analizzare tutta una serie di fattori, ma attenzione: tutto questo implica un ragionamento! Il problema in questo caso è che “l’internet” rende liberi e allora – con rammarico – si constata che aprire bocca e dargli fiato è cosa troppo facile.

Una recensione segnalata sulla Pagina Facebook "Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef"

Una recensione segnalata sulla Pagina Facebook “Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef”

Succede spesso che educazione e senso del rispetto vengano meno, sopraffatti da leggerezza e superficialità. La saga del tutti contro tutti va in scena, mentre la grammatica – nel frattempo – si è suicidata da un bel pezzo. Per la serie “Quanto ci piace chiacchierare”, sentenze lapidarie di impavidi redattori che non temono confronti invadono il portale e contenuti da maneggiare con cura vengono stravolti con ripercussioni – a volte – abbastanza deleterie. Ed ecco che il passo dall’opinione all’offesa si fa breve.
Finalmente in rete c’è chi a tutto questo risponde con una sana e leggera ironia, aprendo anche una finestra su manie, nevrosi, simpatia e arguzia di chi colpisce e chi è affondato. È la pagina Facebook Insultare su Tripadvisor sentendosi grandi chef chiaramente riferita al mondo della ristorazione; i gestori pubblicano Screenshot di esilaranti recensioni accompagnate a poche righe accattivanti. Una raccolta dei migliori insulti e delle migliori risposte con tanto di premio per la #Recinzionedelmese. Non è un caso che siano più di 27.000 gli utenti fan della pagina, attivi più che mai tra commenti e segnalazioni.
Puntare il dito è troppo facile, il beneficio del dubbio merita sempre una possibilità! E la “sfiga” di un’esperienza andata male prima o poi capita a tutti, ma la ruota gira e ritentare non nuoce: sia mai succeda di rimanere piacevolmente sorpresi!

Immagine di copertina della Pagina Facebook "Insultare su Tripadvosr sentendosigrandi chef"

Immagine di copertina della Pagina Facebook “Insultare su Tripadvosr sentendosigrandi chef”