tech

MySpace, in scena il più grande furto di identità di tutti i tempi

myspaceROMA – Non solo Linkedin tra le vittime degli hacker. È di oggi la notizia che, nel 2013, ad essere hackerati sono stati anche MySpace e Tumblr. Come nel caso del sito dedicato ai professionisti, ad essere trafugate centinaia di milioni di password e relativi profili.

Ma andiamo con ordine. Secondo quanto riportato dal sito Motherboard solo su Myspace, il noto social dedicato ad appassionati di musica e artisti, sarebbero state trafugate oltre 400 milioni di password e violati 360milioni di profili. Tutto è accaduto nel 2013 e si tratterebbe del più grande furto ma operato nel web. Tutto ciò che è stato hackerato è ora in vendita su siti ‘specializzati’ alla modica cifra di 2800 a ‘pacchetto’. Al confronto quanto accaduto a LinkedIn, 164 milioni di profili violati, è cosa da poco.

Stessa sorte anche per Tumblr, il microblogging targato Yahoo. Qui, siamo sempre nel 2013, si parla della violazione di oltre 65 milioni di password. Secondo molti esperti si tratterebbe, in tutti e tre i casi, della stessa mano pirata ma questo al momento non è assolutamente dimostrato. Visto che anche i colossi del web non riescono ad assicurare la sicurezza dei propri database l’unico consiglio possibile, soprattutto per siti come LinkedIn dove sono depositati dati molto sensibili e interi curriculum vitae, è quello di modificare periodicamente le proprie credenziali di accesso. Altro consiglio evitare ‘chiavi’ troppo facili, meglio sempre usare codici alfanumerici, o derivanti dalla propria vita personale, come le date di nascita, i nomignoli da innamorati, il nome del proprio cane o i titoli dei film preferiti.