fotogallery

Tumore facciale scoperto per la prima volta sul fossile di un dinosauro

Il primo tumore facciale mai trovato in un fossile animale è stato scoperto nella mascella del telmatosauro (Telmatosaurus transsylvanicus), un dinosauro erbivoro a becco d’anatra vissuto nel Cretaceo superiore.

telmatosauro_tumore_faccialeROMA – Nel corso della sua vita, circa 69 milioni di anni fa, un dinosauro ha convissuto con un tumore sulla sua mascella inferiore, anche se la crescita insolita probabilmente non gli ha causato alcun dolore.
Un gruppo internazionale di ricercatori, tra cui Kate Acheson, uno studente di dottorato presso l’Università di Southampton, hanno documentato un tipo di tumore del viso non-canceroso, che si trova negli esseri umani, mammiferi e alcuni rettili moderni, ma mai prima incontrato negli animali fossili.

“Questa scoperta è la prima mai riscontrata in un fossile e la prima ad essere accuratamente documentate in un dinosauro nano”, spiega uno dei co-autori dello studio, Kate Acheson, studente di dottorato di geologia presso l’Università di Southampton, in Inghilterra

I ricercatori hanno trovato i fossili in Romania occidentale, nella “Valle dei Dinosauri”, parte di un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Il primo tumore facciale mai trovato in un fossile animale

Il team di ha utilizzato uno scanner tomografco micro-computerizzato (CT) per “sbirciare” all’interno della peculiare mandibola del telmatosauro.
I risultati hanno mostrato che il dinosauro aveva un’ameloblastoma, una neoplasia benigna delle ossa mascellari.

“La scoperta di un ameloblastoma in un androsauro implica che abbiamo più cose in comune con i dinosauri di quanto precedentemente realizzato,” ha detto il co-autore Dr Bruce Rothschild, un professore di medicina presso la Northeast Ohio Medical University ed esperto di paleopatologia (lo studio delle malattie antiche).

telmatosauro_tumore_facciale

E’ improbabile che il tumore abbia causato qualche dolore grave nelle sue prime fasi di sviluppo, proprio come negli esseri umani con la stessa condizione.
Ma in base alle dimensioni del telmatosauro i ricercatori sostengono che sia morto prima di raggiungere l’età adulta.

Il tumore facciale responsabile della morte del dinosauro?

Dal momento che i suoi resti conservati sono costituiti dalle sole mascelle inferiori, nessuno può determinare la causa della morte.
Per questo i ricercatori si chiedono se la presenza dell’ameloblastoma possa aver contribuito alla sua morte.

“Sappiamo da esempi moderni che i predatori spesso attaccano un membro del branco che sembra un po’ diverso o colpito da una malattia. Il tumore in questo dinosauro non si era sviluppato nella sua piena forma nel momento in cui è morto, ma potrebbe aver indirettamente contribuito alla sua morte prematura”, ha detto il dottor Zoltán Csiki-Sava.

Telmatosauro e androsauri

Il telmatosauro (Telmatosaurus transsylvanicus) è stato uno dei dinosauri vissuti sull’isola di Hațeg, un’isola nell’oceano Tetide del tardo Cretaceo che andò a formare il bacino Hateg della Romania.
Molti dei dinosauri dell’isola di Hateg crebbero più piccoli attraverso un processo chiamato nanismo insulare.
In termini più semplici, sono cresciuti più piccoli perché non avevano bisogno di mangiare tanto cibo per alimentare i loro corpi, in modo da poter continuare a prosperare con le limitate quantità di risorse.
Proprio per questo le dimensioni del telmatosauro erano relativamente ridotte: una lunghezza di cinque metri e un peso di mezza tonnellata.

telmatosaurus-size

Questo dinosauro fa parte della famiglia degli adrosauridi, i grandi dinosauri erbivori che dominarono le pianure dell’Asia e del Nordamerica nel Cretaceo superiore.

Scoperte tumorali nei dinosauri

Trovare la prova di tumori in ossa di dinosauro è raro, ma non senza precedenti.
I ricercatori hanno già scoperto due tumori su un titanosauro, su androsauri quali brachilofosauro, gilmoreosauro, Bactrosaurus johnsoni e Edmontosaurus, così come sul dilofosauro.
Questi tumori, tuttavia, non sono mai stati riscontrati sul volto dei dinosauri.

Lo studio è stato pubblicato il 5 luglio sulla rivista Scientific Reports.