fotogallery

Animalisti vs Pescatori: sul web scoppia la polemica e scatta la denuncia

ROMA – Ha fatto scalpore il video diffuso dal Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente (META), che riprende un gruppo di animalisti aggredire verbalmente dei pescatori sulle rive del fiume Sesia, a Quarona (Vercelli) dove era in corso una competizione di pesca.
Tra questi, in particolare, vittime delle proteste sono stati un padre e un figlio di 9 anni, a cui gli animalisti si sono rivolti direttamente.
“Ti piace ammazzare i pesci e farli soffocare” sono le parole destinate al piccolo pescatore, che visibilmente turbato poco dopo scoppia in lacrime.

Vegani vs pescatori il VIDEO

Segue lo scontro tra il padre e uno degli attivisti, volano parole forti e minacce velate, finchè l’uomo non prende i suoi attrezzi e se ne va.

Il video è stato diffuso sul profilo Facebook della META, che ha definito l’accaduto come una vittoria: “un ottimo risultato alla gara di pesca alla trota: trote pescate zero”.

Ma la querelle non finisce qui.

vegani vs pescatori il videoScatta la denuncia

Il padre del bambino ha sporto denuncia ai Carabinieri per violazione della privacy.
Nel filmato, infatti, è inquadrato anche il volto del bambino, che, ricordiamo, ha solo 9 anni.

“Noi non mettiamo le immagini dei nostri figli su Facebook e loro si sono permessi di caricare quel filmato in rete” – ha spiegato l’uomo al quotidiano La Stampa – “Venerdì ci hanno avvertiti che il video era on line, pensavamo si trattasse di uno scherzo. Invece sono giorni che riceviamo telefonate: in tanti sono preoccupati, chiedono come sta mio figlio”.

Secondo il pescatore, il video è stato tagliato e racconta solo una parte dell’aggressione, omettendo quella in cui gli animalisti hanno gridato “assassino” anche al figlio.

“Il filmato  è stato tagliato: sono arrivati con una cattiveria e un’aggressività che nessuno si aspettava. A mio figlio hanno anche urlato ‘assassino'”.

“Ammazzare una trota come violentare una bambina”.

L’uomo ha raccontato di aver visto gli animalisti litigare con altri pescatori prima del loro arrivo.
Quando ha raggiunto la sponda del fiume, “sono arrivate una quindicina di persone”.

“Io ho parlato con loro almeno un quarto d’ora cercando di argomentare le mie ragioni. Sono convinto che ognuno possa decidere cosa mangiare e come comportarsi, senza però limitare le libertà altrui. Invece questi ci hanno anche urlato che ammazzare una trota può essere equiparato a violentare una bambina”.

Il video del META

Pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo, che si descrive “animalisti con filosofia VEG”, il video del META ha sollevato polemiche, anche da parte di altri animalisti o vegetariani.

“C’è chi si mette in gioco sfidando l’oceano Pacifico oppure il mare del Nord per contrastare le baleniere e il mercato delle pinne di squalo e chi fa buffonate sul fiumiciattolo sotto casa. I vegani della domenica pomeriggio”, si legge in un commento.

E ancora, “Sono vegetariano da tutta la vita, mai mangiato carne, ma non scasso il cazzo alla gente! siete persone violente e disturbate, volete far credere che lo fate per il bene degli animali ma in realtà avete solo voglia di litigare! Vi sembra giusto far piangere un bambino?umiliare il padre davanti a lui in questo modo? siete dei pagliacci, tristi e inutili non è così che salverete gli animali, cosi vi farete odiare da tutti e basta”.

“Questo non è essere animalisti. Questo è essere cogXXoni”, tanto per essere leggeri.