ambiente

Green Drop Award: la terra di Assisi arriva a Venezia

Green-Drop-Award- ROMA -La sostenibilità sbarca a Venezia. In occasione della 73esima edizione della Mostra del Cinema, verrà consegnato il Green Drop Award, premio collaterale istituito da Green Cross Italia, dedicato al film tra quelli in concorso che abbia meglio interpretato i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile.

Nel Green Drop Award: la scelta di Assisi

Il trofeo del Green Drop Award, una goccia realizzata dal maestro vetraio di Murano Simone Cenedese, contiene ogni anno la terra di un luogo di particolare importanza: quest’anno a viaggiare verso il lido sarà quella del Sacro Convento di Assisi.

Nel 2012 era la terra brasiliana in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile “Rio+20”, nel 2013 è stata la volta dell’Egitto, per ricordare il periodo terribile vissuto da questa nazione ma anche come auspicio a riemergere presto. Nel 2014 proveniva dall’Antartide per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del “global warming” e infine nel 2015 dal Senegal, paese emblema della siccità, al centro di campagne di sensibilizzazione e di progetti di cooperazione di Green Cross.

Il summit internazionale dei leader religiosi dal 18 al 20 settembregreen_drop2016_terra_Assisi2_ufs

La terra è stata raccolta nella Selva di San Francesco, terra che ospiterà il summit internazionale dei leader religiosi del mondo il prossimo 18-20 settembre come Giovanni Paolo II nel 1986, dedicando la riflessione al tema della pace e dell’ambiente.

In questo modo, la quinta edizione del Green Drop Award intende sottolineare il messaggio dell’Enciclica Laudato si’: “Abbiamo bisogno di un confronto che ci unisca tutti, perché la sfida ambientale che viviamo, e le sue radici umane, ci riguardano e ci toccano tutti”.

Cos’è il Green Drop Award

Il Green Drop Award è il premio istituito da Green Cross Italia, onlus internazionale fondata da Mikhail Gorbaciov, e assegnato durante la Mostra del Cinema di Venezia al film, tra quelli in gara nella selezione ufficiale del Festival, che meglio interpreta i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile.

Giunto alla sua quinta edizione, nel 2012 è stato vinto da “La quinta stagione” di Peter Brosens e Jessica Woodworth, nel 2013 da “Ana Arabia” di Amos Gitai, nel 2014 da “The postman’s white nights” di Andrei Konchalovsky e nel 2015 da “Behemoth” di Zhao Liang.

I presidenti delle quattro passate edizioni sono stati Ermanno Olmi, Mimmo Calopresti, Silvia Scola e Remo Girone.