fotogallery

Grande Fratello VIP, Asia Nuccetelli vittima di cyberbullismo

asia-nuccetelli-giulia-de-lellisROMA – Tra i personaggi più discussi della prima edizione del Grande Fratello VIP c’è anche lei.
Asia Nuccetelli, figlia di Alessandro e Antonella Mosetti, nel bene e nel male sta facendo far parlare di sé.
La ventenne è stata al centro della polemica per la sua presunta infatuazione per Andrea Damante, l’ex tronista fidanzato con Giulia De Lellis.
Sebbene abbia più volte ribadito il suo rapporto d’amicizia con il concorrente, il web si spacca.
C’è chi giudica innocente il comportamento della giovane, chi non ha dubbi sul suo interesse amoroso.
E c’è chi va ben oltre, dando sfogo sul profilo Instagram della ragazza ad una serie di “offese e insulti irripetibili”.

Lo segnala Massimiliano Mosetti, fratello di Antonella e zio di Asia, che in un’intervista rilasciata a Leggo ha preso le difese della nipote.

“Sono allibito. Un conto sono le critiche costruttive, altro sono le offese gratuite che in questi giorni sto leggendo”, dichiara Massimiliano. “Sul profilo Instagram di Asia in particolare, sto assistendo a una vera e propria invasione di offese e insulti irripetibili”.

La sequela di “messaggi di una cattiveria e crudeltà ingiustificata”, è arrivata dopo l’entrata in casa di Giulia De Lellis, che ha accusato Asia di essere “una delle tante” a fare delle avances al suo “Dama”.
Da quel momento sui social si è scatenato l’inferno.
Una situazione “potenzialmente pericolosa – prosegue Mosetti. – Asia ha vent’anni, è ovvio che stringe amicizia con i concorrenti più vicini alla sua età, ma quando uscirà dalla casa e leggerà tutti questi insulti come pensate possa reagire?

Asia Nuccetelli vittima di cyberbullismo

asia nuccetelli vittima di cyberbullismo

Offese crudeli e ingiustificate che secondo lo zio di Asia, feriranno la nipote quando uscirà dalla casa del Grande Fratello.
La storia di Tiziana Cantone e delle altre vittime del cyberbullismo non basta a placare un fenomeno sociale sempre più preoccupante.

“Quello che sta accadendo ad Asia avviene quotidianamente ad un sacco di ragazzi e io sono preoccupato”.

Massimiliano conclude l’intervista esortando tutti ad abbassare i toni.
“Invece di buttare benzina sul fuoco con proclami di vario genere, facciamo in modo che i concorrenti all’interno della casa possano godersi la permanenza serenamente e senza ulteriori drammi”.