Mense scolastiche, un bimbo su dieci mangia tutto

Tutti pazzi per pizza e gelato

mensa-scolasticaROMA – Il cibo e’ di buona qualita’, la pulizia e’ adeguata, ma gli ambienti sono troppo rumorosi e non proprio accoglienti. Troppo poco diffuse le indagini sulla qualita’ percepita dagli studenti e l’unico strumento di partecipazione e controllo a disposizione delle scuole, ossia le Commissioni mensa, restano, ad oggi, poco presenti e inascoltate. Due bimbi su tre amano mangiare a scuola, ma solo uno su dieci dice di finire tutto quello che viene servito.

Mense, la carenza è strutturale

Dal punto di vista strutturale, inoltre, le mense non brillano: piu’ di una su tre non ha impianti antiincendio ed elettrici adeguati, una su dieci e’ fatiscente, una su cinque non e’ abbastanza spaziosa, solo la meta’ risulta accogliente e ben arredata. Senza tralasciare che quasi una scuola su quattro e’ del tutto priva di un locale mensa. Sulle tariffe poi emergono notevoli discrepanze fra Nord e Sud del Paese e, in generale, una media annua di 700 euro a famiglia, poco meno di 80 euro mensili, non appare sostenibile per molti nuclei familiari. Emilia Romagna la regione piu’ cara (con oltre 1000Ç l’anno), Calabria la piu’ economica (500Ç). Tutte questioni, dalla percezione della qualita’ al costo della mensa scolastica, che finora sembrano rimaste inascoltate scatenando proteste, spesso anche estreme come quelle che hanno portato alla ormai nota vicenda del ‘pasto da casa’. Sono questi alcuni dei dati e dei punti di vista emersi oggi nell’ambito di “Mensa a scuola: costi, qualita’ e nuove prospettive?”, evento promosso da Cittadinanzattiva.

Mense, i dati di Cittadinanzattiva

I dati fanno riferimento a due indagini svolte dall’organizzazione: una che ha coinvolto sperimentalmente le mense di 79 scuole di 13 Regioni, per raccogliere, tramite 221 indicatori, dati osservabili e dati percepiti su qualita’, sicurezza, igiene, trasparenza, costi, sprechi, rifiuti, partecipazione legati al servizio di ristorazione scolastica. Quasi 700 gli intervistati di cui: 482 bambini, 95 insegnanti, 89 genitori, 30 rappresentanti delle Commissioni Mensa. Una ulteriore indagine e’ stata svolta fra settembre ed i primi di ottobre ed ha riguardato la rilevazione delle rette della ristorazione scolastica in tutti i capoluoghi di provincia, per scuola dell’infanzia e scuola primaria. “Il ministro Giannini ha annunciato come imminenti le Linee Guida con il ministero della Salute e l’Anci per fornire indicazioni chiare alle scuole e ai Comuni che erogano il servizio di ristorazione scolastica. Non prevedere il coinvolgimento, nella loro stesura, di dirigenti e personale scolastico ma soprattutto di rappresentanze dei genitori e delle Commissioni Mensa, potrebbe rivelarsi un autentico autogol”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva. “Il dibattito e i dati che presentiamo oggi sono un’opportunita’ per riflettere sulle ragioni profonde della protesta e per avviare un processo di ripensamento condiviso della mensa scolastica perche’ sia sempre di piu’ un servizio essenziale, sicuro, di qualita’, accessibile, sostenibile, inclusivo, partecipato”.

Mense, Sì per due bambini su tre

Ti piace mangiare a mensa? Si’, per due bambini su tre (64%). Mangiare con i compagni e’ per la stragrande maggioranza (91%) l’esperienza piu’ positiva vissuta a mensa, e il motivo per cui vi mangiano volentieri; segue il mangiare con calma (51%); fare una pausa (43%); disporre di un ambiente piacevole (40%); avere un menu’ vario (38%). Piu’ di un bimbo su tre (36%) non ama mangiare a mensa, perche’ il modo di cucinare non cambia (71%), il cibo e’ sempre lo stesso (57%), le porzioni sono scarse (48%), l’ambiente e’ triste (37%) e vi mangiano solo alcuni compagni (27%). Solo un bimbo su dieci dice di mangiare tutti i cibi serviti alla mensa scolastica, oltre la meta’ (57%) di lasciarne una parte alcune volte, un terzo confessa di mangiarne solo alcuni.

Mense, tutti pazzi per pizza e gelati

Analizzando la ricerca emerge poi che i cibi piu’ amati sono, per quasi otto bambini su dieci, il gelato e la pizza, seguiti da pane e carne (66% e 65%), frutta fresca (57%) e pasta in bianco (53%); i meno amati sono le verdure (soprattutto cotte e a minestra, sgradite ad oltre il 60% dei bimbi), e il pesce (sgradito al 47%). Gli insegnanti reputano, in piu’ di due casi su tre, che il cibo sia qualitativamente buono o sufficiente, ma uno su cinque ritiene che le porzioni siano scarse. E ben il 60% dichiara che non viene in alcun modo rilevato il gradimento del cibo da parte dei bambini. Percentuale sostanzialmente confermata (57%) fra i rappresentanti della Commissione mensa. Il 30% degli intervistati non sa quale fine facciano gli avanzi. Il 43% sostiene che il cibo avanzato venga buttato, o fatto portare a casa oppure consumato a scuola a merenda (17%), o donato ad associazioni che si occupano di persone bisognose (12%). Riguardo agli avanzi di cibo, secondo una indagine condotta da Oricon, Osservatorio sulla Ristorazione Collettiva e Nutrizione tra ottobre e novembre 2015, il 12,6% di un pasto cucinato per ciascun alunno rimane ogni giorno nel piatto, trasformandosi in spreco. Da un punto di vista economico, Oricon quantifica lo spreco in 0,18 centesimi per pasto.