fotogallery

Croce Rossa Italiana di Bologna e Octo per la telematica applicata ai droni

croce-rossa-colibriROMA – La Croce Rossa Italiana di Bologna e Octo Telematics hanno sottoscritto un accordo per attività di ricerca e sviluppo della telematica applicata ai droni. L’intesa è stata illustrata stamani a Bologna, in occasione dell’evento di presentazione dell’Emergency Simulation Training Academy “Luigi Gusmeroli”, il centro di eccellenza in Italia per la formazione di specialisti nelle operazioni di soccorso con eliambulanze e droni tramite avanzati metodi di simulazione. Il nuovo progetto porterà all’ottimizzazione della piattaforma telematica di Octo anche nel controllo, monitoraggio e gestione dei droni. Octo è il più grande fornitore mondiale di servizi telematici ed analisi dati nel settore assicurativo e automotive con 4,6 milioni di clienti nel mondo. Le apparecchiature saranno sperimentate a bordo dei droni della flotta in servizio con la CRI, a partire dal quadricottero “IA-3 Colibrì” prodotto dalla IDS.

“La nostra tecnologia è in grado di fornire valutazioni del rischio accurate e complete alle compagnie assicurative, che sono alla ricerca di soluzioni tecnologicamente avanzate per gestire il rischio applicato all’utilizzo di droni, sia a scopo professionale sia ludico”, ha spiegato Giuseppe Zuco, chief technology strategist di Octo Telematics. “Le specifiche box, che saranno installate sui droni della Croce Rossa Italiana,  sono tecnologicamente all’avanguardia ed in grado di rilevare dati accurati come la zona di sorvolo, l’altitudine, la dinamica del volo e altro ancora. La nostra  esperienza nella gestione di grandi quantità di dati nel settore assicurativo e automotive sarà la chiave per lo sviluppo di un sistema innovativo, sostenibile e affidabile di gestione del traffico aereo dei droni”.

“Siamo lieti di contribuire con i nostri droni allo sviluppo di questa nuova tecnologia, che, visto le previsioni di crescita esponenziale del numero di queste macchine volanti anche nei nostri cieli, potrà rivelarsi indispensabile per un loro corretto impiego in piena sicurezza”, ha sottolineato Marco Migliorini, presidente del Comitato di Bologna della CRI. “Questo accordo con Octo Telematics e le attività di ricerca che ne conseguiranno, del resto, renderanno sempre più il nostro Centro di formazione a Bologna una struttura di eccellenza nello studio e nell’impiego di sofisticate tecnologie aeronautiche per le attività di emergenza e soccorso”.

L’Emergency Simulation Training Academy di Bologna è articolata in due aree. La prima è dedicata alla simulazione sanitaria e aeronautica delle attività di elisoccorso. Usufruisce di 2 aule di simulazione, 2 regie, 2 aule plenarie e anche di 5 sofisticati manichini in grado di riprodurre qualsiasi situazione clinica ospedaliera ed extra-ospedaliera. E’ anche presente una riproduzione in scala reale della cabina HEMS (Helicopter Emergency Medical Service) dell’elicottero Leonardo-Finmeccanica “AW169”, velivolo di nuova generazione ottimizzato per missioni di soccorso e emergenza. La seconda area ospita invece il centro di formazione dell’Unità Operativa SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) della CRI di Bologna, dedicato al percorso formativo dei piloti di vari modelli di droni, come il piccolo “IA-3 Colibrì” e il più grande ”SD-150 Hero”, entrambi prodotti dalla IDS. Alle attività del centro bolognese partecipano anche ReD Tech e Pagnanelli Risk Solutions.