spettacolo

Polizza stellare. Risarcimento alla Disney per la morte di Carrie Fisher

Risarcimento alla Disney per la morte di Carrie FisherROMA –   Una polizza stellare firmata prima della morte prematura. Nella pratica 50 milioni di dollari tondi tondi. È questa la cifra al centro del risarcimento alla Disney per la morte di Carrie Fisher.

Risarcimento alla Disney per la morte di Carrie Fisher per pagare le ripercussioni sul destino di Star Wars

A riportare l’indiscrezione è il Daily Telegraph che cita quanto sostenuto dal sito internet Insurance Insider. Secondo la fonte, l’attrice avrebbe firmato, prima di girare gli ultimi film, l’accordo per pagare tutte le ripercussioni che la sua morte avrebbe avuto sulla saga di Star Wars. 50 milioni da pagare se la Fisher non fosse riuscita a completare le riprese dei nuovi film. Girato l’Episodio VIII della saga, orfano della sua Principessa Leila rimarrà Star Wars.

Morta a 60 anni lo scorso 27 dicembre, l’attrice dovrà così essere sostituita da Disney e Lucas Film. Un danno economico ma anche per la storia raccontata in tutti questi anni. Un impianto narrativo che dovrà cambiare e anche in fretta, prima che inizino le riprese del nuovo capitolo. Disney dal canto suo tace sulla veridicità della polizza e sui cambiamenti che arriveranno per Star Wars.

Intanto, nel vivo sono i preparativi per i funerali della star. L’ultimo saluto alla Fisher avverrà insieme a quello della madre Debbie Reynolds, morta due giorni dopo la figlia.  Lo ha annunciato Todd Fisher, fratello e figlio delle due donne, rivelando che entrambe saranno sepolte al Forest Lawn Memorial Park of Hollywood Hills, il cimitero delle star. La famiglia ha organizzato due eventi privati, una celebrazione commemorativa e poi la sepoltura. Ancora incerto se ci sarà una cerimonia pubblica. I ben informati dicono di sì. La famiglia non vorrebbe negare ai fan un ultimo saluto alle loro beniamine.