fotogallery

Picasso, il cane rifiutato per il suo muso “cubista” salvato dalla morte

storia di picassoROMA – E’ in cerca di un lieto fine la storia di Picasso, il cane destinato all’eutanasia, salvato in extremis da un centro di recupero per animali dell’Oregon.
Mai nome fu più approrpiato: a causa di una malformazione dalla nascita il suo muso sembra un’opera d’arte cubista.

A causa di questa particolarità, Picasso è stato l’unico della sua cucciolota, insieme a suo fratello Pablo, che non è riuscito a trovare una famiglia.

Oggi Picasso, meticcio pit bull-corgi di 10 mesi, è una celebrità internazionale in cerca di una casa con l’inseparabile fratello.


La storia di Picasso

La storia di Picasso inizia quando la sua allevatrice, non riuscendo a venderlo a causa della sua deformità, decise di lasciarlo in un canile in California.
Insieme a lui anche Pablo, il fratello “normale” che non riesce a stare senza di lui.
La coppia era sulla “death list”, la lista dei cani da destinare all’eutanasia.

Ma il loro destino è cambiato quando la loro foto è arrivata all’organizzazione Luvable Dog Rescue in Oregon.
Liesl Wilhardt, direttore esecutivo del rifugio, si è innamorata a prima vista di “quell’opera d’arte”, e ha preso con sia Picasso che Pablo, per assicurare che la coppia mantenesse il suo stretto legame fraterno.

Il Luvable Dog Rescue, rifugio per animali senza scopo di lucro a Eugene, Oregon, molto spesso prende con sé cani con condizioni mediche “difficili da collocare” come Picasso.

La foto di Picasso è stata pubblicata sulla pagina Instagram del centro diventando virale in meno di 24 ore.
Adesso milioni di persone in tutto il mondo conoscono la storia di Picasso: riuscirà a trovare una famiglia che accolga lui e il fratello?

Picasso e il muso “cubista”

La deformità di Picasso, in realtà, è più un fattore estetico che pratico.
La sua mascella è sana, la deformità si trova nella parte superiore del naso. Ciò gli permette di aprire normalmente il muso.
La malformazione lo porta a mangiare e bere in modo disordinato, ma è in grado di farlo da solo.

Picasso si comporta come qualsiasi altro cane ed è del tutto inconsapevole del suo aspetto.

In molti hanno espresso interesse per adottare Picasso e Pablo. Ma i due non sono ancora pronti a lasciare il rifugio.
Picasso dovrà sottoporsi ad un intervento di chirurgia dentale per correggere il muso disallineato.
Il rifugio valuterà ciò che è meglio per Picasso e Pablo, che saranno messi in adozione come coppia.

Nel frattempo, l’organizzazione ha ricevuto circa 2.000 dollari in donazioni da amanti degli animali commossi dalla storia di Picasso.

💜Mmmmm….!!!!! PEANUT BUTTER!!!!💜 Picasso doesn’t seem to have any trouble eating, even with his twisted face…he still makes it work!!!!💜Picasso and Pablo are sweethearts and also very loving with each other💜 🌟please wait in sending in your applications for these dogs until we have them posted on our website!🌟We have been slammed with emails from people wanting to adopt, so please be patient while we get all the pups evaluated and through their quarantine period!🌟We are not a big organization and we only have one person doing all of the adoptions at this point!🌟We have hired a new person so by March hopefully we will have more help and be able to get back to you guys faster!!!🌟 thanks so much for all the love and support for @luvabledogrescue 💜🐾💜#corgi #wonkyface #bassethound #brothers #peanutbutter

Un post condiviso da Luvable Dog Rescue (@luvabledogrescue) in data: