spettacolo

Gordon Ramsay: “Non lascio il mio patrimonio ai miei figli”…per il loro bene

gordon ramsayROMA – Lo ha detto tempo fa e lo ribadisce oggi. Gordon Ramsay ha le idee ben chiare sull’educazione dei suoi figli. Megan (18 anni), i gemelli Holly e Jack (17) e Matilda (15) non avranno in eredità nessuno dei 160 milioni di dollari che compongono il patrimonio dello chef.

Un modo di fare che potrebbe sembrare troppo egoista ma che non lo è. “Non voglio viziarli”, ha detto Ramsay. L’unica eccezione, concordata con la moglie Tana è “un 25% di deposito per un appartamento ma non l’intera cifra”.

Ramsay è nato in Scozia ed è cresciuto in Inghilterra a Stratford upon Avon, il paese di Shakespeare. Ha lasciato la famiglia a 16 anni per scappare da un padre alcolizzato e donnaiolo. Ha cercato di diventare un calciatore e poi ha lavorato duramente, prima di trasformarsi in una star internazionale della cucina. Con sua moglie ha deciso che i loro figli non avrebbero avuto nessun beneficio dalla ricchezza accumulata dal padre. Lo scopo quello di non fargli credere che, nella vita, tutto è dovuto e qualsiasi cosa può essere ottenuta facilmente.

Così, mentre i signori Ramsay viaggiano in prima classe, i quattro ragazzi devono “accontentarsi” dell’economy. “Non hanno ancora lavorato abbastanza per potersi permettere la prima classe”, ha detto lo chef. “A quell’età hanno bisogno di sedere in prima classe? No, non ne hanno. Siamo molto duri su questo aspetto”, ha aggiunto. Vietato, quindi, per loro anche avvicinarsi alla prima classe per un saluto ai genitori. “Dico alle hostess ‘assicuratevi che non si avvicinino a noi. Voglio dormire su questo aereo'”, ha raccontato scherzando. La spiegazione di tutto ciò è abbastanza semplice: “Ho lavorato veramente duro per sedere vicino al pilota. Apprezzi di più quando hai sgobbato” per ottenere qualcosa.

Gordon Ramsay: ai figli solo l’indispensabile per fargli capire il valore dei soldi 

I piccoli Ramsay così devono guadagnarsi da vivere ogni giorno, ottenendo solo piccoli aiuti. Quelli tipici di ogni famiglia “normale”. Megan fa la baby sitter tre volte la settimana, Holly lavora part-time come commessa, Jack vuole arruolarsi nei marine e solo Matilda, la più piccola, è autorizzata a entrare in cucina.

“Megan è all’università e ha un budget settimanale di 100 sterline. Gli altri hanno circa 50 sterline a settimana. Devono pagarsi le ricariche dei cellulari, i biglietti dell’autobus”. Tutto perché “prima dai loro la responsabilità di risparmiare per comprarsi scarpe o jeans meglio è”. Da soli i ragazzi mettono i soldi da parte e solo così capiscono il loro valore.

Per i quattro Ramsay è anche vietato andare a mangiare nei suoi ristoranti e soprattutto di portarci gli amici. La prima volta che la famiglia ha cenato insieme nel leggendario locale che porta nome di Ramsay e che vanta tre stelle Michelin al 68 di Royal Hospital Road a Londra, è stato per i 16 anni di Megan. Prima i ragazzi vi erano stati ammessi solo per servire a tavola nella cena benefica di Natale, organizzata per i vecchi soldati che chiudono la loro vita nel vicino e antico pensionato di Chelsea.