fotogallery

Dragon Ball Super, la linea scolastica dal 15 giugno con Giochi Preziosi

ROMA – Dopo le uova di Pasqua (andate a ruba), arriva la Linea Scuola di Dragon Ball Super.
Zaini, astucci, diari e quaderni saranno disponibili dal 15 giugno con Giochi Preziosi.
L’inizio dell’anno scolastico coinciderà anche con la messa in onda delle nuove puntate di Dragon Ball Super, che torneranno su Italia 1 dopo l’estate.
Nel frattempo, Italia 1 conferma sulla sua pagina Facebook l’avvio del doppiaggio dei nuovi episodi.
Il manga di Dragon Ball Super è pubblicato in Italia da Star Comics.

<
>

Dragon Ball Super

Dragon Ball è un anime senza tempo, che ha tenuto compagnia a diverse generazioni, mettendo d’accordo grandi e piccini.

Dopo il flop di Dragon Ball GT, il nome di Goku & co. è tornato alla ribalta grazie ai film cinematograficie a alla riedizione in alta definizione della serie animata della saga Z, , ovvero Dragon Ball Kai (2009-2011).

In particolar modo, successo mondiale nei cinema per La Battaglia degli Dei e La resurrezione di F, in Italia per Lucky Red.

Per questo, dopo quasi 20 anni dalla sua conclusione, Toei Animation e Akira Toriyama stesso, hanno sfornato una serie tutta nuova, Dragon Ball Super, appunto.

La nuova saga prende il via prima di Dragon Ball GT, in linea temporale dopo la battaglia contro Majin Bu, e porta in versione televisiva la storia raccontata nei due film, per poi esplorare nuove avventure.

Dragon Ball, 30 anni di mito

Riassumere 30 anni di Dragon Ball è quasi impossibile.
La saga ha un ritmo serrato, non stanca, non ha mai stancato.
Il Red Ribbon, l’organizzazione sconfitta in giovane età da Goku per poi ritornare nella saga di Cell, l’avventura sul pianeta Namec, dove assistiamo all’epico scontro con Freezer e alla nascita del primo Goku Super Saiyan (probabilmente la migliore di tutte), la continua sfida di Vegeta che esploderà nella saga di Majin Bu, quando il principe dei Saiyan ammetterà la superiorità dell’eterno rivale, e non dimentichiamo il mitico Torneo Tenkaichi, sempre presente, in un modo o nell’altro, per gran parte della storia e che metterà la parola “fine” proprio il manga.