fotogallery

The 100, la quarta stagione termina con un momento memorabile

ROMA – Si conclude con un momento epico la quarta stagione di The 100.
Il finale ha soddisfatto i fan della serie tv, lasciando aperto uno spiraglio per la fazione “Bellark”.
ATTENZIONE SEGUONO SPOILER

quarta stagione di the 100Il finale della quarta stagione di The 100

Octavia e Bellamy si dicono addio via radio, ma la ragazza è preoccupata per le sorti di entrambi.
Il piano di suo fratello di vivere nello spazio, e il diventare una leader per le 1.200 persone del bunker.

Dopo il commovente saluto bisogna affrontare la realtà: Polis inizia a bruciare e devono scappare prima che l’ondata di morte li raggiunga.
Ciò significa che hanno 90 minuti per fare i preparativi per il loro viaggio spaziale quinquennale.

Momento memorabile per la fazione “Bellark”

Clarke e Bellamy si concedono un minuto per parlare.
“Abbiamo passato parecchio insieme, tu e io”, spiega  Clarke. “All’inizio non mi piacevi, non è un segreto. Ma anche allora, ogni cosa stupida che hai fatto, è stato per proteggere tua sorella. Lei non l’ha sempre visto, ma io sì. Hai un grande cuore, Bellamy. La gente ti segue. Li ispiri”.

Resta soilo un’ora di tempo per lanciarsi in orbita e dare energia al sistema di supporto.
Ma le cose non andranno come pianificato e Clarke sarà costretta a sacrificare un’altra persona per il bene comune: se stessa.

Il suo sacrificio si traduce nella salvezza degli altri, che guardano dal cielo la Terra in fiamme.

the 100 the 100 the 100
<
>

6 anni e 7 giorni dopo…

Scopriamo che Clarke è sveglia su una Terra verde, ora vivibile.
Non c’è stato nessun contatto con il bunker sepolto sotto macerie e nessun contatto con la nave, anche se Clarke ha tentato di comunicare via radio con Bellamy ogni giorno, per 2.199 giorni.
Con lei, solo la piccola Maddie.
Quando sente d’improvviso un’esplosione, inzia a credere con entusiasmo che gli altri siano tornati solo per scoprire che è appena atterrata una nuova minaccia.
Un nuovo conflitto ha inizio…