Inaugurata la nuova scuola di Arquata del Tronto

Inaugurata la nuova scuola di Arquata del Tronto

Roma – Inaugurata la nuova scuola di Arquata del Tronto. Questa mattina il sottosegretario della presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, il commissario alla Ricostruzione Paola De Micheli, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il presidente della Fondazione ‘La stampa-Specchio dei tempi’ Lodovico Passerin d’Entreves e il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci hanno tagliato il nastro alla struttura, realizzata grazie a una donazione della Fondazione, che ospita i bambini delle scuole medie ed elementari.

“La Regione pone delle priorita’ fondamentali nelle zone devastate dal sisma: la scuola e il lavoro- dice Ceriscioli-. Quest’ultimo permette di far tornare le persone in questi luoghi e la scuola e’ un atto di grande fiducia necessario per il percorso di ricostruzione. I tanti bambini oggi presenti per iniziare l’anno scolastico assumono un significato importante che e’ quello di esprimere la volonta’ di rimanere sul proprio territorio”. Pioveva al momento dell’inaugurazione e il sindaco Petrucci ha ironizzato. “Dalle nostre parti si dice sposa bagnata, sposa fortunata- spiega- Noi diciamo scuola bagnata, scuola fortunata. Abbiamo bisogno di fortuna perche’ ci e’ capitato di tutto”.

Secondo il neo commissario De Micheli invece “ricominciare dalla scuola e’ la modalita’ migliore per avviare la ricostruzione grazie anche alle buone leggi esistenti, alle ottime ordinanze e alle complete risorse finanziarie”. La scuola, che ospitera’ anche 15 bambini di Accumuli, e’ stata costruita in appena 4 mesi e sara’ intitolata dal Comune alla Fondazione ‘Specchio dei tempi’. La scuola e’ completamente dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sara’ uno dei terminali del progetto ‘Connettiamo i bambini del mondo’ lanciato dalla Fondazione per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmani.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it