attualita

Erasmus+ apre l’ultimo giorno di Didacta

ROMA – L’ultimo giorno di Didacta Italia, la più importante manifestazione italiana dedicata alla scuola, in programma dal 26 al 29 settembre alla Fortezza da Basso di Firenze, è iniziato con l’incontro ‘Erasmus+ è innovazione’.

Una giornata interamente dedicata alle opportunità offerte dal programma Erasmus+ per il mondo della scuola, per far conoscere la piattaforma e le sue potenzialità, ma anche per fare il punto sui risultati raggiunti in questi anni e i futuri traguardi.

Durante la mattina lo staff dell’Agenzia ha mostrato gli aspetti principali dei progetti di mobilità, grazie alla presenza degli esperti che hanno illustrato le buone pratiche Erasmus+ per l’innovazione.
Oltre alla testimonianza dei referenti, insegnanti e dirigenti scolastici, che già hanno intrapreso partenariati strategici.

Dal racconto delle loro esperienze sono emersi con chiarezza i vantaggi a livello didattico dei programmi Erasmus+, gli effetti evidenti sulla dimensione interculturale e sullo sviluppo di competenze specifiche, così come sul rafforzamento di personalità, autonomia, responsabilità e capacità di lavorare in gruppo.

La seconda parte della giornata è stata organizzata in gruppi di lavoro dedicati al ciclo di vita dei partenariati, dall’idea iniziale alla diffusione dei risultati finali, con un focus sulla centralità della cooperazione transnazionale fra scuole.
I lavori di gruppo sono stati moderati dallo staff dell’Agenzia con le testimonianze dirette dei referenti di progetti in corso.

erasmus+ (8) erasmus+ (7) erasmus+ (4) erasmus+ (5) erasmus+ (3) erasmus+ (2)
<
>

Per gli studenti l’Erasmus+ prevede due diverse modalità che comportano tempi, prerequisiti e finalità diverse: la mobilità ai fini di studio, che si riconduce all’attività chiave prevista dal progetto detta KA1, Key Action, ovvero ‘modalità individuale a fini di apprendimento’ e la mobilità ai fini di traineeship, KA2,ovvero ‘cooperazione per l’innovazione e per le buone pratiche’.

Per entrambe prerequisito necessario è la conoscenza della lingua del paese di destinazione e/o dell’inglese; per alcune di queste la Commissione Europea offre dei corsi di lingua on-line.

L’ultimo giorno di Didacta è stato un’occasione utile per i tanti partecipanti di avvicinarsi ai contenuti dei progetti di collaborazione fra scuole europee e venire in contatto con una metodologia efficace per innovare la didattica e aumentare il senso di cittadinanza europea attraverso progetti di cooperazione fra scuole di diversi paesi.