attualita

Comunicare la gratuità, al via il concorso giornalistico sul volontariato

concorso giornalistico sul volontariatoROMA – Un premio alla storia che racconta meglio il lato altruista della società. ‘Comunicare la gratuità’ è il concorso giornalistico che vuole dare nuovo risalto alle buone notizie, quelle che spesso non guadagnano le prime pagine dei giornali, ma che meritano di essere raccontate. Azioni fatte solo per aiutare l’altro, senza alcun tornaconto economico.

Il concorso nazionale, sostenuto da Cesvot, è promosso dall’associazione di volontariato Vol.To.net e la premiazione è in programma il prossimo 2 dicembre a Firenze, a Palazzo Vecchio, in occasione della nuova edizione della manifestazione ‘All’Origine della Gratuità’, organizzata da Vol.To.net insieme alla Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze e la Compagnia delle Opere Sociali, con la collaborazione di Cesvot. ‘All’origine della gratuità’ è l’evento nato per raccontare il mondo del volontariato in tutte le sue sfumature. “Il volontariato è un mondo da raccontare- dichiara Luigi Paccosi, Presidente di Vol.To.net- che merita di essere valorizzato, soprattutto in un momento storico come questo, dove paure e incertezze possono scalfire valori fondanti di una società, come inclusione, accoglienza, altruismo.

L’obiettivo del concorso è proprio quello di valorizzare e promuovere il lavoro di giornalisti impegnati a raccontare e rendere pubblico il lato positivo della nostra comunità. Sono storie spesso lontane dalle prime pagine dei giornali, ma che noi vogliamo mettere in risalto, perché fa bene a tutti”.

Comunicare la gratuità, al vincitore mille euro

Al vincitore andrà un premio in denaro di mille euro. Possono partecipare i giornalisti, senza limiti di età, che abbiano pubblicato o trasmesso articoli o servizi che comunichino al meglio la gratuità, sia a mezzo stampa, web, radio o tv, nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2017 e il 1 novembre 2017. I lavori dovranno essere consegnati entro e non oltre il 5 novembre 2017, pena esclusione dal concorso.