Non è uscito sangue. E’ possibile aver perso prima la verginità?…

Quando l’ho fatto per la prima volta non è uscita nemmeno una goccia di sangue. E’ possibile che abbia perso la verginità prima senza saperlo?

Ciao,
avevo da un po’ una curiosità. Parlando con una mia amica mi ha detto che quando ha perso la verginità le è uscito tanto sangue, mentre a me no. Quando l’ho fatto per la prima volta ho provato un dolore immenso, molto forte, ma non è uscita nemmeno una goccia di sangue. A questo punto mi chiedo, è possibile che abbia perso la verginità prima senza saperlo?

Jules, 17 anni


Cara Jules,
cercheremo di rispondere alla tua curiosità fornendoti qualche informazione in più a riguardo.
Per fare questo dobbiamo partire da alcuni aspetti anatomici dell’apparato riproduttivo femminile.
Come forse già saprai l’imene è un setto di membrana mucosa che sovrasta o ricopre parzialmente l’esterno dell’apertura del canale vaginale.
Questo resta intatto finché non si decide di avere rapporti sessuali e quindi il membro maschile penetra nella cavità vaginale lacerando tale sottile barriera.
La rottura dell’imene, tuttavia, risulta essere un’esperienza davvero soggettiva e che quindi non può far capo ad un’unica descrizione.
Come anche tu ci scrivi c’è chi percepisce molto dolore e chi invece non ne ha assoluta percezione. Per quanto riguarda la perdita ematica anche qui la variabilità non ci permette di darne una definizione esclusiva.
Alcune donne perdono molto sangue, come la tua amica,  altre neanche una goccia, più simile alla tua esperienza.
A volte può capitare anche che l’imene non si rompa del tutto con il primo rapporto e che questo avvenga successivamente, attraverso diversi episodi. La membrana può rompersi solo in alcuni punti ma restare in altri e questo spiegherebbe i sanguinamenti successivi.
Addirittura facendo sport, in alcune circostanze, tale sottile  membrana può lacerarsi prima di avere un rapporto.
Come vedi è un po complicato definire fisiologicamente il momento esatto in cui si perde la verginità completamente (se ne facciamo una questione legata solo all’imene).
Il nostro suggerimento è quello di considerare l’esperienza globale (soprattutto a livello emotivo) e proteggere sempre i rapporti che implichino una penetrazione (anche se si hanno dubbi sulla rottura dell’imene).
Speriamo di averti fornito spunti di riflessione utili.
Un caro saluto!