Con Norlevo nel giorno dell’ovulazione potrei essere rimasta incinta?…

Nel giorno di ovulazione ho avuto rapporto completo non protetto con eiaculazione all’interno . Il tutto intorno a mezzanotte , circa 16 ore dopo ho assunto norlevo , mi sento stanca , molto assonnata, ansiosa.

Salve.nel giorno di ovulazione ho avuto rapporto completo non protetto con eiaculazione all’interno . Il tutto intorno a mezzanotte , circa 16 ore dopo ho assunto norlevo , mi sento stanca , molto assonnata, ansiosa . A distanza di 4gg ho iniziato ad avere diarrea mentre dal 5 giorno accuso dolori addominali che vanno dai laterali finirai reni. Essendo accaduto il giorno in cui ho ovulato è possibile che sia rimasta incinta ugualmente ?
Le chiedo spiegazione è consigli. Grazie in anticipo

Mery, 30 anni


Cara Mery,
solitamente la pillola del giorno dopo ha una buona efficacia se presa correttamente. 
Questo significa rispettare le indicazioni riportate sul foglietto illustrativo che riguardano sia la corretta conservazione del farmaco, sia l’assunzione (soprattutto per quanto riguarda la tempistica). Nel tuo caso  questa è avvenuta in maniera tempestiva e quindi in linea con quanto viene riportato dal bugiardino.
L’azione di tale farmaco è proprio quella di posticipare l’ovulazione per impedire che, eventuali spermatozoi, possano incontrare un ovulo maturo e quindi potenzialmente fecondabile.
Qualora questa sia già avviata, il principio del farmaco provvede a rendere inospitali le pareti uterine in modo da impedire che un potenziale ovulo fecondato possa impiantarsi e dar luogo ad una gravidanza.
Solitamente l’arrivo della mestruazione dovrebbe indicarti l’efficacia del farmaco ma a volte possono verificarsi ritardi o fenomeni di spotting e questi potrebbero creare una situazione di confusione e di allarme.
Per questo motivo, ti suggeriamo di stare tranquilla e monitorare semplicemente la situazione nel corso del tempo.
Qualora ci sia una variazione della consueta regolarità devi considerare che con la contraccezione di emergenza introduce un elevato ed improvviso apporto ormonale e quindi questo potrebbe giustificare manifestazioni insolite come cefalea, dolori pelvici, nausea, diarrea, variazioni umorali, sintomi che variano da persona a persona. Ma in una consulenza online, in assenza di strumenti diagnostici di approfondimento, è impossibile fare delle diagnosi precise.
Se dovessero persistere dubbi puoi effettuare un test di gravidanza valido o dal primo giorno di ritardo oppure dopo 12-14 giorni dal presunto rapporto a rischio. Questo è in grado di escludere  perplessità eventuali.
Speriamo di aver chiarito i tuoi dubbi.

Un caro saluto!