In Giappone c’è l’isola dei gatti: il paradiso felino popolato da un’armata di mici

Ami i gatti? Allora il Giappone è la meta giusta per te. Visita il paradiso felino di Aoshima, l'isola dove i gatti sono più numerosi degli esseri umani

Ami i gatti? Allora il Giappone è la meta giusta per te. Visita il paradiso felino di Aoshima, l’isola dove i gatti sono più degli esseri umani

aoshima isola dei gatti giappone

Sono i gatti i padroni di Aoshima.
Un’armata felina domina l’oasi giapponese, battezzata non a caso “l’isola dei gatti”.

Basta la matematica per farsi un’idea: la proporzione tra abitanti e gatti è di 1 a 6.

Gli esseri umani sono appena 22, per una popolazione felina che supera i 120 esemplari.

Grazie a questa inusuale caratteristica, Aoshima è meta ogni anno di migliaia di turisti, pronti a tutto pur di essere circondati dalla parata di gatti.

Originariamente introdotti per cacciare i topi che affliggevano le barche dei pescatori, i gatti rimasero su Aoshima e si moltiplicarono.

L’isola, a 30 minuti di traghetto al largo della costa della prefettura di Ehime, era la patria di 900 persone nel 1945.

aoshima isola dei gatti (1)
aoshima_cat02
aoshima isola dei gatti (1)
aoshima isola dei gatti (2)
aoshima-isola-gatti-giappone-e1453030922356

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, vi fu un’ondata di migranti in cerca di lavoro nelle città sulla terraferma.

L’unico segno di attività umana oggi è la barca di turisti che ogni giorno giunge ad Aoshima per visitare quella che è conosciuta localmente come “neko shima”, “Isola dei Gatti”.

I gatti di Aoshima non sono troppo esigenti, sopravvivono con onigiri (polpette di riso), barrette energetiche o patate che portano i turisti.
In assenza di predatori naturali, si aggirano sull’isola come veri dominatori.

Il Giappone non è mai stato immune al fascino felino.
Basti pensare che il Sol Levante è patria del noto personaggio Hello Kitty, e che il gatto è simbolo di fortuna (Maneki Neko).

2019-03-22T12:46:28+01:00