Partita la nuova campagna targata Generazioni Connesse

Partita la nuova campagna targata Generazioni Connesse

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È partita la nuova campagna targata Generazioni Connesse, il progetto nato per informare giovani, docenti e ragazzi sulle potenzialità della rete. Per il primo step della campagna #conoscere il web,i canali social del Safer internet center Italia sono stati invasi dai video realizzati con il CINI, il consorzio interuniversitario nazionale italiano.

Il web, le reti social e l’universo di internet non avranno più segreti per i docenti. È a loro, infatti, che è dedicata la prima fase della campagna, che potrà essere seguita su tutti i canali della rete.

La seconda fase, #vivere il web, sarà invece dedicata ai ragazzi: dieci regole per vivere il mondo virtuale in maniera sana. Sul portale, i ragazzi potranno trovare un decalogo con le regole da adottare in rete, per poi passare alle amicizie e al pericolo degli adescamenti. In entrambi i casi, la campagna verrà accompagnata da due video pubblicati su Youtube e sulle piattaforme social del progetto.

#Scoprire il web, terza fase del progetto, è dedicata invece a genitori e docenti. Sette i consigli utili forniti per riconoscere, attraverso gli atteggiamenti dei propri figli, i comportamenti sospetti legati ad un cattivo utilizzo dei social. È in questa fase che sarà lanciata anche l’app di Generazioni Connesse, grazie alla quale i docenti potranno avere sempre a loro disposizione tutti i contenuti didattici e pedagogici del progetto. La campagna si chiuderà a fine gennaio con la pubblicazione dei risultati del progetto, già condivisi con l’Advisory Board.

Finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma ‘Connecting Europe Facility’ (CEF), Generazioni Connesse promuove strategie finalizzate a rendere Internet un luogo più sicuro per gli utenti più giovani, favorendone un uso positivo e consapevole. Se usato positivamente, infatti, Internet può essere uno strumento che facilita l’ingresso nel mondo del lavoro da parte dei giovani.

Il progetto è coordinato dal MIUR in partenariato col Ministero dell’Interno – Polizia Postale e delle Comunicazioni, l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, Università degli Studi di Firenze, Università degli studi di Roma “La Sapienza”, Skuola.net, Cooperativa E.D.I, Movimento Difesa del Cittadino e Agenzia Dire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it