Moda in lutto: Addio a Karl Lagerfeld, il direttore creativo di Fendi e Chanel

Moda in lutto: Addio a Karl Lagerfeld, il direttore creativo di Fendi e Chanel

Lo stilista si è spento all'età di 85 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Ho tutto nella mia testa, ed è ovviamente la cosa migliore, perché così puoi portare tutto dovunque”, Karl Lagerfeld

ROMA – Capelli bianchi, occhiali neri e inconfondibile stile ed eleganza. Lui è, o meglio, era Karl Lagerfeld. Lo stilista del marchio che porta il suo nome nonché direttore creativo di Chanel e Fendi si è spento oggi all’età di 85 anni. Dopo la morte della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, il mondo della moda piange un’altra importante colonna del fashion world. 

Karl Lagerfeld, arte e rivoluzione

Genio della moda, creativo, rivoluzionario e visionario. Queste sono le caratteristiche di Karl Lagerfeld, che da sempre lo contraddistinguono da chiunque. Ogni casa di moda che lo a incontrato è ritornata sul mercato con una veste grazie quel al tocco che solo il direttore creativo con gli occhiali neri sapeva dare. 

Icona della moda, Karl Lagerfeld è famoso in tutto il mondo per un approccio allo stile innovativo e caratteristico, grande fonte di ispirazione. Karl è una forza della natura, un personaggio enigmatico con una visione originale della moda e della cultura pop.

Oltre ad essere direttore creativo del marchio che porta il suo nome, Lagerfeld è anche supervisore alla direzione creativa delle Maison Chanel e Fendi. Il suo talento visionario supera i limiti della moda sconfinando nell’arte dell’illustrazione e della fotografia, fino allo styling e all’editoria.

UNA CARRIERA DI GRANDI TRAGUARDI
1938: Karl Lagerfeld nasce ad Amburgo, in Germania.

1954: Vince il primo premio in un contest organizzato dal Secrétariat International de la Laine (Associazione Internazionale della Lana), per il bozzetto di un cappotto. Il cappotto viene poi realizzato da Pierre Balmain, che offre a un Karl Lagerfeld diciassettenne un lavoro come suo assistente.

1957: Diventa direttore artistico per il fashion designer Jean Patou.

1962: Diventa uno dei primi freelancer dell’era moderna nel settore moda, lavorando in Francia, Italia, Inghilterra e Germania.

1965: Inizia a lavorare per Fendi; una collaborazione che durerà fino ai giorni nostri.

1964: Inizia a lavorare con Chloe.

1975: Diventa il primo designer senza una propria etichetta a introdurre un profumo, CHLOE.

1983: Viene nominato direttore artistico della Maison Chanel.

1984: Fonda la sua casa di moda, KARL LAGERFELD, mentre continua le collaborazioni con Chanel e Fendi.

1987: Si sposta dietro l’obiettivo e inizia a fotografare le proprie campagne pubblicitarie, diventando famoso per il suo lavoro come fotografo. Molti dei suoi scatti sono diventati libri d’arte, pubblicati da Steidl.

1992: Crea 60 illustrazioni per la fiaba “”I Vestiti Nuovi dell’Imperatore”” di Hans Christian Andersen.

1999: Apre una libreria a Parigi, la “”7L””. Un anno dopo, diventa editore con il lancio della casa editrice EDITIONS 7L, specializzata in libri di arti visive e fotografia.

2000: Cambia look e immagine perdendo 42 kg con una dieta ferrea. Il libro che racconta questa esperienza, “”The 3D Diet””, viene pubblicato poco dopo, con decine di migliaia di copie vendute in tutto il mondo.

2004: È il primo designer al mondo ad essere contattato dal gigante H&M per una collaborazione su una capsule collection di 30 capi.

2008: Il suo nome viene aggiunto a Le Petit Larousse Illustré, il dizionario più iconico della Francia.

2010: Riceve il Couture Council Fashion Visionary Award dal Fashion Institute of Technology (FIT) a New York.

2012: Diventa collaboratore mensile di caricature per F.A.Z., supplemento del quotidiano tedesco Frankfurter Allgemein Zeitung.

2016: Su richiesta del coreografo e regista Benjamin Millepied, realizza i costumi per una produzione del Brahms-Schönberg Quartet all’Opéra Bastille di Parigi.

2017: Progetta due suite spettacolari per l’iconico albergo parigino Hôtel de Crillon. Riceve inoltre il premio “”Outstanding Achievement Award”” ai British Fashion Awards e il premio John B. Fairchild Award di WWD.

2018: Progetta un hotel 6 stelle da 290 stanze a Macao.

(Fonte: https://www.karl.com/it)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it