Al Da Vinci di Maccarese il ricordo dei Giusti di ieri e oggi

Al Da Vinci di Maccarese il ricordo dei Giusti di ieri e oggi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oberdan Bardoni, Calogero Marrone, Luciano Serti e Adele Zara. Sono solo alcuni nomi dei giusti a cui saranno dedicati i nuovi alberi del Giardino della Memoria dell’istituto Leonardo Da Vinci di Maccarese (Fiumicino), in occasione della Giornata europea dei Giusti, che ricorrera’ il prossimo 6 marzo.

La festività proclamata nel 2012 dal Parlamento europeo, verrà celebrata dagli studenti del Da Vinci in una due giorni di attività ed eventi che coinvolgeranno tutta la comunità scolastica. Si comincerà proprio dal 6 marzo, con una giornata dedicata ai ‘Giusti e al Bene possibile’. Dopo il saluto della dirigente scolastica Antonella Maucioni, interverranno Noemi Di Segni, presidente dell’Unione delle comunita’ ebraiche italiane (UCEI), il giornalista Nico Pirozzi e la scrittrice Luisella Schreiber Segre’. A seguire, gli studenti presenteranno i Giusti a cui saranno dedicati i nuovi alberi, con l’accompagnamento musicale della scuola di musica ‘La pantera rosa’ di Fregene.

Giovedì 7 marzo, invece, al centro delle celebrazioni saranno i ‘Giusti di oggi: testimoniare la responsabilità e l’impegno’. Il programma si aprirà alle 9.30 nella sede dell’istituto agrario con la messa a dimora degli alberi in onore di Vito Fiorino e Daphne Vloumidi. Poi l’incontro si sposterà in aula magna, dove interverranno Vito Fiorino, soccorritore dei naufraghi a Lampedusa e Tedese Fisaha, superstite della tragedia del 3 ottobre 2013 a Lampedusa. Infine, i ragazzi si cimenteranno con lo spettacolo di Erri De Luca ‘L’ultimo viaggio di Sindbad’, a cura del gruppo teatrale e musicale dell’istituto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it