Quando l’ho lasciato mi cercava continuamente ed io mi sentivo in gabbia…

Buongiorno cari esperti,
Vi scrivo per un problema abbastanza grave..
Ho avuto una relazione durata 7 mesi e finita quasi 2 mesi fa.. Lui è un mio compagno di corso in università e abbiamo mantenuto un rapporto civile, e anche di amicizia.. Solo che io ho sempre avuto la necessità di “voltare pagina” perché negli ultimi mesi era oppressivo e super geloso.. Anche quando l’ho lasciato mi cercava continuamente ed io mi sentivo in gabbia. La settimana scorsa andava meglio ho cominciato a non vederlo più e nemmeno a sentirlo in università stavo con delle mie amiche ed avevo cominciato ad essere felice e positiva. Solo che venerdì scorso mi ha voluto parlare, dato che abbiamo una lezione in comune, mi ha detto che ha fatto degli esami del sangue che non andavano bene e successivamente altre visite di cui sta aspettando l’esito, ma il dottore gli ha detto che al 50% possa essere un cancro. Chiaramente io ci sono rimasta molto male e ho sofferto, però sembra che questo sia un presupposto per “controllarmi ancora” mi chiede sempre cosa faccio con chi sto ecc… Io voglio aiutarlo davvero perché capisco sia una situazione difficile, ma voglio anche andare avanti con la mia vita ed essere felice perché Ok gli voglio bene ma non lo amo più.. E non voglio prenderlo in giro soprattutto se non sta bene… Non so se mi capite.. A volte mi sento egoista, ma poi mi chiedo cosa posso fare per lui? A me dispiace se vuole parlarmi vado, gli scrivo ecc ma lui sembra più disperato della nostra rottura che di quella cosa grave che potrebbe accadere, io sono confusa non so che fare, lui lo sa che io volevo già voltare pagina, e che non torno con lui perché non sta bene anche se gli ho offerto il mio aiuto.

Isabella, 20anni


Cara Isabella,
non deve essere facile gestire una situazione simile ma attraverso questo spazio cerchiamo di metter luce su alcuni aspetti da te descritti che possano aiutarti a fare un pò di chiarezza. Innanzitutto non sempre si riesce a mantenere un rapporto d’amicizia dopo la fine di un amore, entrambi i partner devono essere piuttosto bravi e usciti dalla relazione sentimentale, in qualche modo pronti ad instaurare un altro tipo di legame che faccia sentire liberi e non imbrigliati ancora nel rapporto di prima. Ovviamente non è facile impostare tutto questo, spesso uno dei due resta ancora coinvolto emotivamente e alle volte coltiva dentro di sé una speranza che tutto possa tornare come prima. Nella tua situazione ci sembra di sentirti convinta, desiderosa di “voltare pagina”, vuoi stare bene e hai forse capito che la relazione sentimentale doveva prendere un’altra piega. E così hai intrapreso un’altra strada, più concentrata su te stessa e su ciò che ti fa stare bene, le tue amiche sicuramente ti regalano sorrisi importanti in questo momento! Tu stessa scrivi che quando hai iniziato a prendere un pò le distanze da lui hai iniziato a respirare, non deve essere facile percepire la gelosia e il controllo da parte dell’altro. Evidentemente una parte di lui non non ha elaborato ancora la chiusura del rapporto, e non è ancora pronta a lasciarti andare…cosa che invece riesci a fare tu. Certo, la notizia degli accertamenti clinici ha destabilizzato entrambi, per lui sicuramente è un momento faticoso e forse cerca in te un sostegno, tu dal canto tuo fai il possibile per stargli vicino ma mantenendo sempre quel limite che ti permette di non scivolare in dinamiche che ti fanno “sentire in gabbia”. Il tuo atteggiamento nasce da un bene che nutri per lui, è bello sentire di volerlo aiutare ma devi anche capire che è un terreno un pò melmoso, nel senso che devi essere brava a mettere la giusta distanza. Non stai facendo nulla di  male, la tua chiarezza con lui non crea fraintendimenti o ambiguità che invece potrebbero ferirlo. Quindi crediamo che mantenere una trasparenza e una chiarezza interna con te stessa ed esterna con lui ti aiuta a trovare il giusto equilibrio per potergli stare vicino quando ne ha bisogno, ma al tempo stesso pensare alla tua vita. Intanto prova a riflettere su quanto detto fino ad ora e se vorrai tornare a scriverci per dirci cosa ne pensi, siamo qui!
Un caro saluto!

1 Marzo 2019