Roma, al via progetto Acea con le scuole 'Difendiamo l'acqua'

Roma, al via progetto Acea con le scuole ‘Difendiamo l’acqua’

Coinvolti oltre 10mila studenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Otto giornate sviluppate su percorsi tematici incentrati sul risparmio idrico e sulla sostenibilità. E’ il progetto ‘Difendiamo l’acqua’, nato in occasione della giornata mondiale dell’acqua, a cura di Acea e patrocinato dalla commissione Scuola di Roma Capitale, quest’anno coinvolge oltre 10mila studenti provenienti dalle scuole romane medie e elementari.

L’iniziativa è stata presentata all’Auditorium della Conciliazione di Roma, dalla presidente di Acea, Michaela Castelli, e dalla presidente della commissione Scuola, Maria Teresa Zotta. Durante l’evento il soffitto e le pareti dell’Auditorium si sono trasformate in un enorme schermo a 270 gradi con immagini ad alta definizione che hanno riprodotto il lungo viaggio dell’acqua, dalla sorgente al rubinetto di casa.

Al progetto è stato associato inoltre il concorso ‘Cosa faresti tu per l’acqua’. I partecipanti dovranno riprodurre un video messaggio di 30 secondo con proposte inerenti il risparmio idrico. I 3 progetti migliori verranno premiati da Acea con un riconoscimento in denaro, che verrà corrisposto direttamente agli istituti degli studenti vincitori. ‘Difendiamo l’acqua’ rientra inoltre nel progetto Acea Scuola, nato nel 2002 con l’obiettivo di promuovere le attività di formazione e informazione sulla sostenibilità ambientale.

“Questo appuntamento- ha detto Michaela Castelli- unisce cultura della sostenibilità, rispetto dell’ambiente e fiducia nelle nuove generazioni. Fino ad oggi con questa iniziativa abbiamo coinvolto circa 112mila studenti e 21mila insegnanti. Quest’anno il progetto sarà un viaggio straordinario nel mondo dell’acqua e permetterà di vivere le attività, le risorse e le tecnologie che Acea impiega oper gestirla e tutelarla”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it