Unicusano. Click Days, ecco i vincitori delle borse di studio

Unicusano. Click Days, ecco i vincitori delle borse di studio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è Giulia che da sola, all’oscuro dei suoi genitori, ha preparato tutta la documentazione, si è creata una Pec e sogna di frequentare la facoltà di Ingegneria industriale. C’è Davide che e’ venuto a saperlo dal suo professore di italiano che l’ha aiutato nella procedura e adesso e’ indirizzato sulla facoltà di Economia.

O Eleonora che ha saputo dei Click Days da sua madre, fan sfegatata di Radio Cusano Campus. Sono tante le storie dietro ai volti dei vincitori dei Click Days che oggi si sono ritrovati, insieme ai loro genitori, nell’aula magna dell’Università Niccolò Cusano, a Roma.

A spiegare ai ragazzi il percorso che affronteranno sono stati il rettore Fabio Fortuna, che ha sottolineato la centralità dello studente che caratterizza la Niccolò Cusano, e Stefano Bandecchi, presidente della Società delle Scienze umane, che invece ha voluto evidenziare l’importanza di un ateneo internazionale. Una internazionalizzazione che si gioca non tramite accordi con atenei stranieri, ma costruendo vere e proprie filiali a Londra, Madrid e Parigi, proprio come ha fatto l’Unicusano.

I ragazzi e le ragazze, provenienti da Roma e provincia, si sono aggiudicati le borse di studio per iscriversi al corso di laurea con un percorso plus. La borsa di studio copre totalmente 5 anni di studio, permette di frequentare corsi di lingua inglese e seconda lingua straniera a costo zero, lo studente ha a disposizione servizio mensa, bar, navetta, palestra e attività ricreative, oltre alla possibilità di svolgere attività formative presso la redazione di Radio Cusano Campus e Tag 24.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it