Sul “68” e senza Rolls Royce. Ernia racconta il suo nuovo album

Sul “68” e senza Rolls Royce. Ernia racconta il suo nuovo album

L'intervista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un viaggio verso la definizione della propria musica. È quello che Ernia, al secolo Matteo Professione, ha fatto in questi ultimi due anni. Il rapper – qualcuno, in realtà, lo definisce anche cantautore –  è tornato negli store con “68 (Till the end)”, la riedizione del suo precedente disco “68”. Un numero scelto non a caso.

Il “68”, infatti, era l’autobus che Matteo prendeva sempre da ragazzino nella sua Milano, per raggiungere dalla periferia il centro città. Allo stesso modo, il percorso artistico di Ernia si è mosso velocemente dal mondo degli emergenti a quello degli artisti (anche se a lui, per quel che lo riguarda, il termine artista non piace) da top ten. Il doppio CD, che aggiunge sette tracce inedite al lavoro precedente, è non a caso secondo nella classifica settimanale FIMI/Gfk degli album più venduti. Un passaggio avvenuto per step.

Nell’intervista rilasciata a diregiovani.it, Matteo ha parlato di un successo arrivato piano piano, tra salite, discese ripide e risalite percorse con determinazione. Scherzando, ha aggiunto: “Non mi sono risvegliato tutto d’un tratto in una Rolls Royce, per ora sono ancora addormentato in una Polo”.

Il repack di “68”, come ha spiegato Ernia, è un disco “istintivo, fatto di pancia e divertendomi”. Questa componente, meno ‘inquadrata’, ha dato al disco la vibrazione in più che il rapper cercava.

Tre i featuring nella nuova tracklist che si aggiungono a quello con Tedua. In “68 (Till the end)” compaiono Lazza, Nitro e Chadia Rodriguez. Tre pezzi da novanta, tre amici, tre rivelazioni del loro genere. Il risultato sono diciannove pezzi che descrivono alla perfezione il percorso di Ernia tra rime taglienti e strofe introspettive.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it