Chiara, campionessa di pugilato: "Se può farlo un maschio, posso farlo anch'io"

Chiara, campionessa di pugilato: “Se può farlo un maschio, posso farlo anch’io”

Studentessa atleta combatte contro le differenze di genere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – A soli sedici anni, è già campionessa italiana di pugilato e ha le idee chiarissime: vincere le prossime olimpiadi. Lei è Chiara Saraiello, studentessa napoletana e atleta che alla Dire ha raccontato la sua storia. Nel suo rione Sanità Chiara è un idolo per i ragazzi e le ragazze: “Sono l’unica ad aver vinto il titolo nel quartiere- rivendica con orgoglio- magari anche la prima ad andare alle olimpiadi e vincere per il mio paese”.

Cresciuta avendo come riferimento Mohammed Alì e Katie Taylor, Chiara è la prima ragazza del quartiere ad aver raggiunto un alto livello in uno sport come il pugilato, storicamente considerato maschile, cosa che ha caricato ancora di più la giovane pugile che in questi giorni risponderà alla terza convocazione in nazionale.

Le azzurre, guidate da Valeria Calabrese, Manuele Renzini e Gianfranco Rosi andranno ad Assisi per prepararsi all’eventuale convocazione per i prossimi europei di pugilato che si terranno in Romania dal 23 maggio al 3 giugno.

La convocazione in nazionale è stata solo l’ultima delle soddisfazioni che Chiara ha regalo alla sua famiglia e alla sua città tanto che anche il Sindaco Luigi de Magistris l’ha premiata invitandola a palazzo San Giacomo: “È stato molto emozionante per me, ho anche detto al sindaco che con il pugilato proteggo le mie compagne dai bulli- ha detto la campionessa- è bello sentirsi riconoscere tutto il tempo e il sacrificio profuso”.

Tempo e sacrificio quindi per diventare una campionessa di pugilato. Chiara infatti, come tutte le ragazze delle sua età, frequenta le superiori e deve riuscire a conciliare lo studio e la sua passione: “la mattina vado a correre prima di andare a scuola, lezioni e subito in palestra fino a sera e poi subito a fare i compiti. Meno male che c’è mai sorella che mia aiuta”, conclude ridendo. La Saraiello è infatti sorella d’arte, la sorella più grande Angela, ex pugile anche lei, la accompagna a tutti gli allenamenti, e non solo.

Chiara infatti molte volte va nelle scuole per portare il suo messaggio di parità di genere e di sprone a tutte le bambine che da grandi sognano di fare le pugili o di affermarsi in un qualsiasi sport considerato ‘maschile’. “Quello che dico sempre è che maschi e femmine possono fare le stesse cose, il resto sono fesserie che per fortuna stanno passando- sottolinea con felicità- io non ho mai pensato di essere meno di qualcuno, il fatto che sono campionessa lo dimostra”.

Chiara ha anche un consiglio per tutti i suoi coetanei, fare sport, qualunque esso sia: “in un momento nel quale il nostro corpo cambia di continuo, fare sport aiuta ad accettarci meglio e anche a volerci bene, soprattutto a noi ragazze”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it