All'istituto 'Sannino De Cillis' studenti uniti per ricordare Falcone

Napoli, all’istituto ‘Sannino De Cillis’ studenti uniti per ricordare Falcone

Alla tavola rotonda presenti istituzioni e ragazzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Nella scuola intitolata a uno studente vittima della Camorra le istituzioni e i ragazzi si stringono nel ricordo di Giovanni Falcone. “Oggi siamo qui ad innalzare il tema della legalità. Quel 23 maggio per la mia generazione rappresentò il crollo di un sogno, quello di essere liberi. Oggi cerchiamo di trasmettere nella vostra memoria la nostra“. Così il dirigente scolastico Domenico Brachi, dell’istituto Sannino De Cillis ha aperto l’evento organizzato nell’ambito dell’iniziativa Palermo chiama Italia promossa dal Miur e dalla fondazione Falcone.

Dobbiamo ricordare Falcone perché i risultati raggiunti in termini di lotta alla mafia li dobbiamo anche al suo sacrificio– ha detto Raffaele Cantone in un video rivolgendosi agli studenti- oltre al metodo, la figura di Falcone permise ai magistrati di uscire dal palazzo e ci fecero capire che la mafia non si combatte solo con le forze dell’ordine ma con tutta la società civile“.

Ed è nelle scuole che si forma la società civile perché è nelle aule che si lavora quotidianamente per i cittadini del domani. E il mondo della scuola è anche oggi presente anche con Luisa Frazese, direttrice dell’ufficio scolastico regionale della Campania che ha ricordato: “Falcone è un ricordo vivo che è presente nell’esempio, nei principi di onestà del lavoro e di integrità morale“.

Dopo la tavola rotonda sono gli studenti a prendere la scena. Tante infatti le istituzioni scolastiche ospiti della giornata che hanno portato il loro contributo con rappresentazione teatrali, musicali e di danza. “Oggi siamo tantissimi per ricordarci di un giudice che si è sacrificato per combattere la mafia– ha detto Gianluca, uno degli studente- il fatto che più scuole con indirizzi diversi stiano insieme, ci fa sentire più forti ed uniti“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it