Violenza donne. Preside Caivano: "Si può cambiare con energia dei giovani"

Violenza donne. Preside Caivano: “Si può cambiare con energia dei giovani”

"I miei studenti non saranno più etichettati". A lei il premio 'Renata Fonte"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questo premio non è mio, ma di quei ragazzi che racconteranno che si può cambiare e che non saranno più etichettati come quelli del Parco Verde di Caivano”. Eugenia Carfora è la dirigente dell’Istituto professionale del Parco Verde a Caivano (Napoli) e oggi è stata insignita, a Ostia, del Premio ‘Renata Fonte’, nell’ambito della XX edizione della ‘Festa della legalita’ e della non violenza’.

La preside è stata premiata per l’eroismo dimostrato quotidianamente insieme a tutti i suoi collaboratori. Carfora, infatti, si può definire una vera ‘donna coraggio’ che ha saputo restituire dignità e legalità a un territorio difficile come quello di Caivano, riportando i ragazzi a scuola.

“Questo premio nasce dalla caparbietà di credere in questi luoghi- spiega la dirigente scolastica- Le cose possono cambiare perché dare un’opportunità a questi ragazzi significa anche dire all’Italia che c’è un’energia inespressa. E questa energia che c’è, io non ho fatto altro che tirarla fuori piano piano. Questa è la mia massima gratificazione. Stamattina l’incontro che mi ha dato il buongiorno è di un mio ragazzo che sono riuscita a collocare a Modena, in un lavoro pulito, ci siamo abbracciati e lui mi ha detto: ‘Preside non pensare che sia finita qua, anche io continuerò a dire a tutti che al Parco Verde si può cambiare'”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it