Italia alle finali dei campionati mondiali studenteschi di tennis

Italia alle finali dei campionati mondiali studenteschi di tennis

A Castel di Sangro la nazionale maschile tra le prime otto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Definito il cartellone delle squadre finaliste dei mondiali studenteschi di tennis in programma fino a domani a Castel di Sangro in Abruzzo. L’Italia maschile ha guadagnato l’accesso insieme a Francia, Chinese Taipei, Australia, Cina, Inghilterra, Turchia e Germania. In campo femminile sono passate quattro rappresentative: Turchia, Paesi Bassi, Inghilterra e Chinese Taipei.

All’evento, ideato dalla federazione internazionale dello sport scolastico e realizzato dal Miur e dalla federazione italiana tennis, hanno partecipato oltre 200 studenti, tra i 14 e i 17 anni, provenienti da 4 continenti che si sono sfidati sui campi del centro federale.

“Rispetto a tante altre manifestazioni all’estero, in questa abruzzese la scuola è sicuramente presente, gli studenti sono davvero coinvolti sia nel gioco che nell’organizzazione- ha dichiarato Andrea Del Pin, presidente emerito dell’International School Sport Federation- gli insegnanti ad esempio, per la cena ufficiale nella serata di gala, hanno offerto un servizio di altissima qualità insieme agli studenti dell’istituto alberghiero. Il risultato migliore è che questi ragazzi, oltre ad essere ottimi atleti, quando hanno avanti una proposta riguardante lo svolgere una performance culturale, turistica, mettersi a ballare, metterci la faccia, lo fanno e ciò non è da tutti. Questi ragazzi- ha concluso Del Pin- hanno capito che, grazie a queste attività, si socializza molto di più e molto più in fretta quando gli avversari sono colleghi e non solo nemici”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it