Maturità. Reggio Calabria, scatta countdown per studenti del 'Volta'

Maturità. Reggio Calabria, scatta countdown per studenti del ‘Volta’

Le interviste di diregiovani.it
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO  CALBRIA – Mancano pochi giorni agli esami di maturità e gli studenti di quinto anno del liceo scientifico ‘Alessandro Volta’ di Reggio Calabria stanno studiando, cercando di tenere a bada l’ansia. “Sono ansioso,- racconta Samuele Mallamaci- ma anche consapevole che e’ arrivato il momento di fare l’inevitabile salto verso il futuro, verso le nostre vite, andando incontro all’università, al lavoro. Provo a controllare la tensione studiando e a non pensare agli esami. Quando arriverà il momento, lo affronterò”.

Samuele non teme la prima prova scritta di italiano: “non ci sono grandi cambiamenti rispetto al passato- dice- la grande incognita e’ la seconda prova. Prima, si poteva pensare o alla matematica o alla fisica, adesso che ci sono entrambe, è più difficile. La seconda prova scritta è il timore di molti”.

Chiara Laurendi teme soprattutto la prova orale. Con la riforma non sa che cosa aspettarsi: “non mi spaventano le due prove scritte e non considero che sia difficile la seconda prova, come molti pensano. Secondo me, se ci si esercita la si può fare bene. Agli orali non so che cosa mi possa capitare, avrei preferito la tesina, sarei stata sicura di parlare di un argomento che mi piaceva”.

La maturanda del ‘Volta’ studia tutto il giorno: “mi sveglio presto e mi metto sui libri fino a sera. Voglio arrivare preparata agli esami, non solo per fare bella figura davanti alla commissione, anche per una mia soddisfazione personale”. Per Samuele e Chiara il pensiero è rivolto anche alle vacanze estive, non vedono l’ora di rilassarsi con gli amici: “cercherò’ di divertirmi il più possibile,- dice Samuele- non ho progetti particolari, andrò al concerto di Salmo a Soverato”. “Amo il mare- aggiunge Chiara- probabilmente andrò in qualche villaggio turistico, starò all’aria aperta il più possibile”.

Quest’estate, per loro, non mancheranno nemmeno i momenti dedicati alla preparazione dei test universitari. Samuele studierà ingneneria informatica, Chiara si iscriverà alla facoltà di lingue: “a settembre proverò i test a Milano e a Bologna, voglio diventare una professoressa e insegnare inglese”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it