Libertà e sogni proibiti. La Zero racconta la sua nuova musica. L'intervista

Libertà e sogni proibiti. La Zero racconta la sua nuova musica. L’intervista

La cantautrice è tornata con il nuovo singolo, "San Lorenzo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È passato qualche mese da Sanremo Giovani e tutto è cambiato. A partire dal suo look. La Zero è pronta a una nuova ripartenza. Sempre vicina al suo dna da cantautrice ma con una rinnovata sicurezza.

La Zero, così, è tornata con “San Lorenzo”, il nuovo singolo che anticipa il suo prossimo progetto discografico (un EP in uscita dopo l’estate). Nel brano si parla di sogni e desideri proibiti. “È un inno alla vita, a fare quello che vi pare”, ha spiegato ai nostri microfoni. Insomma, a vivere la vita senza farsi influenzare dai giudizi altrui.

Ecco l’intervista

“San Lorenzo” è una canzone molto diversa da “Nina è brava”, brano finalista dell’ultimo Sanremo Giovani. Un pezzo estivo e ritmato che rinnova l’attitudine di Manuela alla scrittura. Una qualità che le permette di non essere mai banale.

In questi mesi post Sanremo, carta e penna per Manuela sono stati il pane quotidiano: “Ho scritto tantissimo, non soltanto per me. Ho cominciato a scrivere anche per altri e ho capito che è una cosa che mi piace molto”. 

Il singolo, prodotto da Hokuto Empire (l’etichetta di Francesco Facchinetti) e distribuito da Sony, è disponibile nei principali store digitali e sulle piattaforme streaming dallo scorso 28 giugno. “Francesco è stata le persona che più mi ha incoraggiata in tutto questo percorso. Se adesso faccio la mia musica lo devo a lui”, ha rivelato. 

Per il futuro prossimo, quindi, Manuela è pronta a condividere i suoi nuovi pezzi. E il lavoro da attrice che ha portato avanti negli anni? Chissà, prima o poi magari potrebbe tornare sullo schermo. Per ora restano le note a parlare.

Bio

Manuela Zero nasce a Piano di Sorrento e fin dall’età di 6 anni inizia a studiare danza classica e musica presso il Teatro lirico San Carlo di Napoli diplomandosi all’età di 16 anni a pieni voti.

A 18 anni si trasferisce a Roma e viene scelta da Abel Ferrara nel suo film “Go go tales” al fianco di Willem Defoe. Lavora in televisione nel cast di “Romanzo Criminale” (2010), e “non smettere di sognare” di R. Burchielli. Nel 2015 incontra L. Pieraccioni che le affida il ruolo di Mia, nel suo “Professor Cenerentolo”.

Nel 2016 Pippo Baudo la sceglie al suo fianco per “Domenica In”. Nel 2018 è nel film di Paolo Sorrentino Loro 1, Loro 2. Lavora in teatro nella commedia musicale Rinaldo in campo (cover di S. Autieri), in “A chorus line” nel ruolo di Kristine, con Massimo Ranieri e Gigi Proietti. Raffaella Carrà è la sua madrina artistica e la sostiene da sempre

Nel 2018 partecipa a Sanremo giovani con il suo brano “Nina è brava” che è stato un successo di pubblico e di critica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it