VIDEO| Le bugie a scuola e l'esordio: Roberto Lipari racconta Tuttapposto

VIDEO| Le bugie a scuola e l’esordio: Roberto Lipari racconta Tuttapposto

DA OGGI AL CINEMA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Diretta da Gianni Costantino e prodotta da Attilio De Razza, Tuttapposto è il ritratto di un paese che fa della raccomandazione il suo punto di forza e della meritocrazia un concetto sopravvalutato. Il protagonista della storia è Roberto Lipari – che ha dato il suo nome e cognome al personaggio che interpreta – studente universitario in un ateneo in cui i docenti vendono esami, assumono solo amici e parenti e sono inclini alla raccomandazione. Ad avere la ‘spintarella’ più grande è proprio Roberto, figlio del magnifico rettore (interpretato da Luca Zingaretti). Un giorno però, Lipari, contro il parere della sua famiglia, stufo di essere asservito al potere del baronato, decide con i suoi amici di combattere questo sistema. Realizza così un’app per smartphone (realmente scaricabile nei digital store) chiamata Tuttappostoche valuta l’operato dei professori. La riuscita è tale che presto i ruoli si invertono: gli studenti acquisiscono un potere inaspettato e i professori sono costretti a comportarsi onestamente pur di ottenere un buon voto. 

Importanza della parola ‘minchiata’ per i siciliani, le bugie a scuola e l’esordio al cinema di Roberto Lipari: ecco che cosa ci hanno raccontato il protagonista e il regista sul film.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it