Palermo, la Nazionale femminile di calcio incontra gli studenti

500 ragazzi delle scuole siciliane hanno partecipato all'iniziativa della Figc

PALERMO – La Nazionale femminile ha incontrato gli alunni e le alunne delle scuole di Palermo coinvolte nelle attività sportivo-didattiche sviluppate dal settore giovanile e scolastico della Figc. All’evento, organizzato presso la Cittadella Universitaria di Palermo, hanno partecipato oltre 500 studenti e studentesse in rappresentanza degli istituti che hanno promosso i progetti ‘Giococalciando’ e ‘Ragazze in Gioco’.

Un’occasione per raccontare le proprie esperienze e per affrontare il tema dello sport nelle scuole, in un territorio che negli ultimi anni ha registrato il maggior numero di adesioni alle attività del settore giovanile e scolastico sviluppate nell’ambito del progetto ‘Valori in Rete’.

“I pregiudizi nei confronti del calcio femminile esistono sempre- ha dichiarato Rosalia Pipitone, portiere della squadra azzurra– ma grazie alle nostre energie messe in campo e nel vedere la gente che ci sostiene, partita dopo partita, riusciremo a superarli del tutto. Personalmente ho dovuto lottare per affermarmi come calciatrice, sono partita proprio da Palermo e sono contenta del percorso fatto, soprattutto per essere approdata in Nazionale e aver partecipato al mondiale. Alle ragazze l’unico consiglio che posso dare è di andare sempre avanti con sacrificio e passione”.

Presenti all’evento anche le calciatrici Elena Linari, Rachele Baldi e Gloria Marinelli che hanno risposto a tutte le domande degli studenti. Oltre alla delegazione azzurra, hanno preso parte all’iniziativa il rettore dell’università di Palermo, Fabrizio Micari e il coordinatore regionale SGS Stefano Valenti che hanno evidenziato l’importanza della sinergia tra tutte le componenti coinvolte, a partire dal Miur che assieme alla Figc da anni si impegna per la promozione e lo sviluppo dei progetti sportivi all’interno delle scuole.

2019-10-07T16:36:28+02:00